Scorpion Child – Recensione: “Acid Roulette”

C’era grande attesa per il ritorno degli Scorpion Child. C’era attesa nel conoscere le mosse del combo texano dopo il successo di critica e pubblico del debut album “Scorpion Child”. Un disco che racconta una storia complessa (un triangolo amoroso) declinata in 13 canzoni, dove il protagonista della storia sarà compagno di strada e “Virgilio” in un autentico inferno di riff.

Acid Roulette” è sicuramente un disco meno aggressivo e “disperato” rispetto al debut. “Acid Roulette” è il disco dove ogni canzone diventa più “liquida” e l’amore per Black Sabbath e Led Zeppelin diventa una certezza da registrare in maniera analogica. Influenza che diventa impossibile da negare in “Blind Man’s Shine”, dove la voce di Aryn Jonathan Black e la chitarra di  Christopher Jay Cowart si rincorrono creando un vortice uscito direttamente dagli anni ’70. Pronti-via e subito sembra di sentire Tony Iommi alla chitarra (con una “puntina” di Pete Townshend) con il riff di “She Sings, I Kill” che si incastra in una canzone tutta “inglese” perfetta da suonare dal vivo. Colpisce “Reaper’s Danse” con le chitarre che si rincorrono un riff dopo l’altro e che citano – in meno di 4 minuti – Iron Maiden, Thin Lizzy ed i “soliti” 4 di Birmingham.

Davvero notevole anche “Twilight Coven” che non avrebbe sfigurato in un qualsiasi album delle band di Iommi o Page: punta più luminosa di un disco certamente positivo. Ma c’è anche spazio per citare il “buon” Blackmore ed i suoi (mai aggettivo possessivo fu più appropriato…) Rainbow: i primi secondi di “Tower Grove” possono essere tranquillamente scambiati con l’inno “Long Live Rock ‘n’ Roll”.

Molto positiva anche “Survives”: voce e piano dove la voce graffiante di Aryn conduce per mano l’ascoltatore nei meandri di una canzone realmente emozionante. Della stessa pasta la title-track: passo lento fino all’accelerazione finale.

Acid Roulette” mantiene tutte le promesse pronunciate con “Scorpion Child” e ci regala una band in stato di grazia.

Scorpion Child - Acid Roulette

Voto recensore
7,5
Etichetta: Nuclear Blast



Tracklist: 1. She Sings, I Kill 2. Reaper’s Danse 3. My Woman In Black 4. Acid Roulette 5. Winter Side Of Deranged 6. Séance 7. Twilight Coven 8. Survives 9. Blind Man’s Shine 10. Moon Tension 11. Tower Grove 12. I Might Be Your Man 13. Addictions
Sito Web: http://www.scorpionchildofficial.com/

Saverio Spadavecchia

view all posts

Capellone pentito (dicono tutti così) e giornalista in perenne bilico tra bilanci dissestati, musicisti megalomani e ruck da pulire con una certa urgenza. Nei ritagli di tempo “untore” black-metal @ Radio Sverso. Fanatico del 3-4-3 e vincitore di 27 Champions League con la Maceratese, Dovahkiin certificato e temibile pirata insieme a Guybrush Threepwood. Lode e gloria all’Ipnorospo.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login