Fairyland – Recensione: Score To A New Beginning

E’ un inizio di 2009 da urlo per gli amanti del symphonic power metal. Dopo il botto di Celesty e Dark Moor, esce sul mercato il terzo lavoro dei francesi Fairyland, per la gioia dei fans del genere. “Score To A New Beginning”, è bene dirlo subito, non può competere con gli ultimi lavori delle band citate in precedenza, ma propone dieci canzoni di buona qualità, sostenute da una produzione all’altezza, andando a concludere la trilogia di Osyria iniziata nel 2003. Philippe Giordana e ospiti vari (i Fairyland sono a tutt’oggi una one man band) si concentrano su orchestrazioni complesse e arzigogolate, facendo passare in secondo piano le voci ed i cori. E sta proprio qui il difetto del nuovo Fairyland, un disco suonato e arrangiato alla grande, in cui le melodie, purtroppo, non sempre convincono. Musicalmente parlando, “Score To A New Beginning” è ineccepibile e l’abilità tecnica dei nostri si percepisce fin dalle prime note dell’opener “Across The Endless Sea Pt.””, una cavalcata degna dei Rhapsody OF Fire (quelli del tanto osannato Film Score Metal), punteggiata dal pianoforte. E non può mancare il lato più epico del metal sinfonico, fatto di sezioni di archi e fiati, che prendono il sopravento in “Master Of The Waves”. Vengono lasciati in soffitta gli sprazzi di musica barocca degli esordi, per un songwriting più maturo e raffinato, la giusta evoluzione del precedente “The Fall Of An Empire”. Ma un’eccessiva magniloquenza, se non accompagnata dalla freschezza delle melodie vocali, tende ad appesantire alcune trame sonore, perdendo un pizzico di appeal. Atmosfere battagliere, tastiere a go go, cori maestosi: per i fans del metal sinfonico, comunque, basta e avanza.

Voto recensore
7
Etichetta: Napalm Records / Audioglobe

Anno: 2009

Tracklist: 01. Opening Credits
02. Across The Endless Sea Pt.2
03. Assault On The Shore
04. Master Of The Waves
05. A Soldier’s Letter
06. Godsent
07. At The Gates Of Morken
08. Rise Of The Giants
09. Score To A New Beginning
10. End Credits

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login