Edguy – Recensione: Savage Poetry

Nel 1995 gli Edguy esordirono con l’album ‘Savage Poetry’, autoprodotto in una quantità di copie molto limitata e mai distribuito tramite i canali ufficiali. Ora, cinque anni dopo, l’album viene finalmente offerto al pubblico di fan affamati in un rifacimento integrale, voluto dalla band per ovviare alle tantissime ingenuità (di registrazione, di composizione, di arrangiamento, etc.) della prima release. Non penso proprio che si possa aggiungere qualcosa sugli Edguy oltre a quello che già si sa: la band è quasi totalmente devota al verbo dell’Helloween Sound (o meglio, a quello di Kai Hansen) ma, nonostante la tendenza a ricorrere alla melodia stucchevole, e pur non avendo la classe e le capacità dei maestri di riferimento, riesce a farlo meglio di altri. In questo contesto, il remake – le canzoni sono state tutte riarrangiate e rielaborate secondo la sensibilità attuale della band – del primo album rappresenta una sorta di piccola auto-contraddizione: da un lato è innegabile che Sammet & C. siano comunque maturati parecchio rispetto a 2/3 anni fa, e la cosa si sente nel maggior gusto negli arrangiamenti, dall’altro il disco lascia comunque intravedere l’ingenuità di fondo delle composizioni originali (non dimentichiamoci che l’età dei ragazzi era di 16/17 anni!), evidente anche al di là del pesante restyling. ‘Savage Poetry’ resta quindi un disco per gli appassionati del power, che avranno buon pane per i loro denti con l’opener ‘Hallowed’ (dal ritornello molto “zuccoso”), con la lunga ed epica ‘Eyes Of The Tyrant’, con la tirata ‘Frozen Candle’ e, perché no, anche con la ballata dal vago sapore Aerosmithiano ‘Sands Of Time’. Per i completisti, poi, è giusto ricordare che la prima stampa del CD conterrà come bonus anche l’edizione originale del ’95 di ‘Savage Poetry’.

Voto recensore
6
Etichetta: AFM/Audioglobe

Anno: 2000

Tracklist:

Tracklist: Hallowed/Misguiding Your Life/Key To My Fate/Sands Of Time/Sacred Hell/Eyes Of The Tyrant/Frozen Candle/Roses To No One/Power And Majesty


0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login