Texas Hippie Coalition – Recensione: Rollin’

Hard Rock cafone! I Texas Hippie Coalition (THC, e chi vuol intendere intenda…) da Denison (Texas, of course) danno alle stampe questo Rollin’ (ed ecco che anche il titolo si presta a diversi significati), loro seconda fatica discografica ma prima distribuita a livello internazionale. La coalizione degli hippie texani altro non è che un punto d’incontro tra influenze panteriane e… influenze panteriane! Ahivoglia a dire che nel loro sound c’entrano Lynyrd Skynyrd, Molly Hatchett, Black Label Society e chi più ne ha più ne metta! La matrice southern è incarnata solo dalla provenienza geografica e (magari) da convinzioni ideologiche, però il sound di chitarre grasse, ritmiche toste e pesantemente cadenzate non fanno altro che riportare alla memoria il gruppo di Dimebag & company, visto che perfino lo stile e le linee vocali di “Big Daddy” Ritch si rifanno totalmente a quelle del buon Phil Anselmo. Prodotto da scartare? Non totalmente, visto che seppur i THC non inventano niente di nuovo, eseguono quel che sanno fare al meglio, tra assalti sonori (vedi “Intervention”), mid tempo aggressivi e pesanti (forse però anche troppi in quest’album) e una semi ballad dal sapore sentimentale a nome “Groupie Girl”, che subito spazza via ogni dubbio sul possibile romanticismo contenuto in essa. Sarà per l’immagine truzza della band, per lo stile compositivo riproposto o chissà per quale altro motivo, ma il quintetto di Denison ha saputo crearsi, pur nei suoi pochi anni di esistenza, una foltissima schiera di fan accaniti (esiste addirittura una loro pagina su wikipedia, provare per credere), presente non solo negli Stati Uniti del sud, ma anche qui in Italia per esempio. Sara merito (o colpa) del THC???

Voto recensore
6
Etichetta: Carved Records/Sony

Anno: 2010

Tracklist: 01. Intervention
02. Flawed
03. Rollin’
04. Jesus Freak
05. Pissed Of And Mad About It
06. Groupie Girl
07. Saddle Sore
08. Cocked And Loaded
09. Back From Hell
10. Beg

Sito Web: http://www.myspace.com/texashippiecoalition

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login