Edguy – Recensione: Rocket Ride

A poco più di due anni di distanza dall’ottimo ‘Hellfire Club’, tornano sul mercato discografico i tedeschi Edguy del talentuoso singer Tobias Sammet. ‘Rocket Ride’, il nuovo album della band di Fulda, è forse un pizzico meno immediato e coinvolgente del suo predecessore, ma si mantiene comunque su degli standard elevati che ribadiscono la grande professionalità dei nostri.

Si comincia con ‘Sacrifice’, un brano lungo e compatto che alterna momenti tipicamente power ad accelerazioni più rocciose, Tobias si esprime su tonalità graffianti e il pezzo, pur non godendo di quell’immediatezza che ci aspetteremmo dagli Edguy, ci appare comunque coraggioso proprio perché va ad esplorare una vena inedita, più seria e riflessiva. Ci vogliamo soffermare anche su ‘Matrix’, un pezzo arricchito da alcune venature elettroniche, con un refrain compatto ed esplosivo che esula nuovamente dal solito contesto “divertito”.

Ma gli Edguy in fondo sono sempre quei ragazzi scanzonati che tutti conosciamo, ed eccoli ritornare su territori più solari con la successiva ‘Return To The Tribe’, brano tipicamente power/speed e dannatamente intrigante, in cui il bravo axe man Jens Ludwig infila un assolo “schizzato” e piacevolissimo all’ascolto. E si lascia apprezzare anche la ballad ‘Save Me’, ricca di momenti acustici, ma soprattutto ‘Catch Of The Century’, song dinamica e compatta dal finale irresistibile, in cui il nostro Tobias sbraita come un dannato mentre i compagni cercano di richiamarlo all’ordine!

Ci soffermiamo infine sul singolo ‘Superheroes’, ovviamente la track più assimilabile del lotto e su ‘Trinidad’, uno scanzonato brano di hard rock melodico che esula da un contesto tipicamente metal, paragonabile alla divertentissima ‘Lavatory Love Machine’ che faceva parte di ‘Hellfire Club’.

Un disco dalla qualità inappuntabile di sicuro richiamo per i fan della band e per gli appassionati di metal melodico.

Voto recensore
7
Etichetta: Nuclearblast / Audioglobe

Anno: 2006

Tracklist:

01.Sacrifice
02.Rocket Ride
03.Wasted Time
04.Matrix
05.Return To The Tribe
06.The Asylum
07.Save Me
08.Catch Of The Century
09.Out Of Vogue
10.Superheroes
11.Trinidad
12.Fucking With Fire (Bonus Track)


andrea.sacchi

view all posts

Poser di professione, è in realtà un darkettone che nel tempo libero ascolta black metal, doom e gothic, i generi che recensisce su Metallus. Non essendo molto trve, adora ballare la new wave e andare al mare. Ha un debole per la piadina crudo e squacquerone, è rimasto fermo ai 16-bit e preferisce di gran lunga il vinile al digitale.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login