Shakra – Recensione: Rising

ll nuovo album da studio degli Shakra ci consegna un gruppo ancora frizzante e pieno d’energia. ‘Rising’ contiene dodici brani della lunghezza media di quattro minuti di purissimo hard rock melodico in Bon Jovi e Gotthard style. I brani puntano tutti all’essenziale, ossia un ottimo riff portante e un coro cantabile che conquisti al volo. Il gioco riesce in pieno e per quasi tutto il corso dell’album è possibile gustare una buona dose di sano intrattenimento (forse gli unici due brani un po’ anonimi sono ‘Little Stories’ e ‘Trapped’). L’album inizia con una triade di song potente e brillante costituita da ‘Now Or Never’, ‘Done Me Wrong’ e ‘Too Good For Me’ (il pezzo più energico). Questi tre brani di qualità superiore già bastano a stupire l’ascoltatore. I successivi due pezzi, la bellissima ballad ‘I Will Be There’ e l’hard rock song ‘Rising High’, dotata di un coro da pelle d’oca (veramente un brano meraviglioso), convincono del tutto e decretano il successo di ‘Rising’. In seguito ci imbattiamo in altre tracce di tutto rispetto, come la powereggiante ‘Sign In The Sky’ e la rocker ‘My Life – My World’. I motivi che rendono imperdibile questo quarto album da studio degli svizzeri Shakra sono, oltre ad una freschezza estrema del songwriitng, una dose massiccia di guitar part e la voce frizzante del nuovo singer Mark Fox, che sostituisce il defezionario Pete Wiedmer. Ottimo.

Voto recensore
8
Etichetta: Point Music

Anno: 2003

Tracklist: Now Or Never
Done Me Wrong
Too Good For Me
I Will Be There
Rising High
Little Stories
My Life - My World
Sign In The Sky
Run Away
Fight The Fire
Anything
Trapped

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login