Chris Ousey – Recensione: Rhyme And Reason

Anche per Chris Ousey, talentuoso singer inglese che gli amanti del rock di classe ricorderanno per i suoi gloriosi trascorsi tra le fila di Virginia Wolf e Heartland, è arrivato il momento di giocare la propria carta solista.

Ad aiutarlo in questa sua nuova avventura troviamo quattro musicisti veterani della scena rock mondiale: Mike Slamer  e Tommy Denander entrambi alle chitarre ed alle tastiere,  Neil Murray al basso e Gregg Bissonette alla batteria.

Difficile perdere una sfida con un poker d’assi infatti “Rhyme And Reason” è un platter alquanto appagante ma purtroppo non fa gridare al miracolo.

Il cantante (aiutato in fase di songwriting da Denander) ha creato un sound dai connotati stilistici molto particolari iniettando soluzioni sonore alquanto insolite ed intricate nell’ossatura hard rock di base cosicché occorreranno diversi ascolti ed una mentalità aperta per apprezzare in maniera opportuna le canzoni proposte.

Sin dal primo momento salta all’orecchio l’eccellente lavoro svolto in fase di produzione da Mike Slamer che risalta in maniera ottimale il già di per sé eccezionale compito svolto dai musicisti.

Paradossalmente ciò che stupisce di meno sono le lead vocals infatti “The Man with the Golden Tonsils” (Definizione affibiata al cantante da certa stampa specializzata in passato) non dona quel quid in più alle canzoni offrendo una prova canora non proprio impeccabile.

Gli episodi più appetibili tra le dodici tracce dell’album sono “Bleeding Heart”, “Give Me Shelter” ed  “A Natural Law”, ballad che chiude le danze aggiungendo un po’ di emozione a “Rhyme And Reason” reclamando un posto d’onore dopo un via vai di complicatezze sonore figlie del troppo voler stupire con ‘strani effetti speciali’.

Voto recensore
7,5
Etichetta: Escape Music / Frontiers

Anno: 2011

Tracklist:

01. The Mother Of Invention

02. Bleeding Heart

03. To Break A Heart

04. Motivation

05. A Chemical High

06. Give Me Shelter

07. The Reason Why

08. On Any Other Day

09. Dont Wanna Dance

10. Watch This Space

11. By Any Other Name

12. A Natural Law

 


1 Comment Unisciti alla conversazione →


  1. dehlor

    Gran disco di Hard/Aor che verrà ricordato a lungo nel tempo in virtù di una eccellente produzione, songwriting e naturalmente una strepitosa performance vocale priva di difetti.
    Aspettavo con ansia questo lavoro fin dall’ascolto del singolo.. la tellurica “MotherOfInvention” brillante manifesto e dichiarazione d’intenti per un full-length che si rivelerà strepitoso.
    Durante l’ascolto si avverte un certo tentativo di portare un tocco di modernità al genere e questo è assolutamente apprezzabile.. insomma un motivo in più per possedere questo cd !

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login