Rev-Raptor

Voto
recensore

7

Voto
utenti

-

Rev-Raptor

U.D.O.

Track Listing

01. Rev-Raptor
02. Leatherhead
03. Renegade
04. I Give As Good As I Get
05. Dr. Death
06. Rock’N’Roll Soldiers
07. Terrorvision
08. Underworld
09. Pain Man
10. Fairy Tales Of Victory
11. Motor-Borg
12. True Born Winners
13. Days Of Hope And Glory

Vota questo album:

Non è certo facile trovare  nuovi spunti per scrivere l’ennesima recensione per l’ennesimo disco del singer tedesco. Ed in fondo non è forse nemmeno tanto indispensabile.

Salvo infatti dover registrare improbabili svolte stilistiche chiunque è in grado di fare una previsione a scatola chiusa su quale sia il contenuto musicale di questa nuova fatica; e allo stesso tempo siamo tutti ben coscienti che il meglio il vecchio Udo l’ha già dato nel corso di una lunga e onoratissima carriera con Accept e band solista.

Stabilito il campo di gioco sarebbe però poco serio criticare in modo pesante questa uscita in nome di una qualità elevata del passato: “Rev-Raptor” è infatti un solido e ben poco sorprendete “pezzo di metallo”, come da copione parrebbe lecito aspettarsi da chi del metallone vecchio stampo ha fatto un marchio di fabbrica.

Nulla di quello che sentirete vi farà scattare sorpresi, ma il buon equilibrio tra brani heavy e sprazzi di acida melodia tipica del più tagliente Udo è di quelli che procureranno comunque qualche fremito ai fan più incalliti.

D’altronde è proprio a loro che ormai il nostro Dirkschneider si rivolge con totale abnegazione. E se siete della famiglia song come la title track, “Leatherhead”,  “Dr. Death”, “Renegade” o la ballad “I Give As good As I Get” ve le ascolterete fino alla nausea.

Il resto non si discosta molta dalla formula di base, appoggiandosi su schemi ben rodati e un suono ormai calibrato da qualche disco tra il vecchio heavy anni ottanta e un più moderno groove che ben si addice al format ritmico proposto.

Un buon album insomma, che nel complesso ci appare migliore del precedente “Dominator” e che di certo sarà buona norma spararsi al massimo del volume. Se invece del vecchio metallo e del buon U.D.O. non vi importa più nulla, beh, che l’avete letta a fare questa recensione?

Altro...

Lascia un commento

Login with Facebook:
Login