Framepictures – Recensione: Remember It

Potremmo parlare dei Framepictures come di una clone-band dei Dream Theater se questi ultimi non si fossero persi per strada, lasciando il campo a formazioni più ispirate. Ispirate come appunto questi cinque portoghesi, oggi al debutto con sette suite, di cui l’ultima sfiora i 27′. Dicevamo l’ispirazione: buona, sicuramente molto evocativa, estremamente complessa (quasi al limite con certe costruzioni dei Rush e dei Planet X), chiusa in sé stessa, epica, amante delle lunghe rapsodie strumentali, note su note suonate con tecnica, audacia e velocità. Avrete difficoltà ad orecchiare, al primo ascolto, "Remember It", album di classico progmetal. Le melodie, infatti, pur sempre dietro l’angolo, sono congeniate in modo estremo ed articolato. Tiago Delgado, vocalist rubato al mondo pop, potrà non apparire, in prima battuta, la soluzione ideale per chi predilige la potenza. Ma questo, che comunque resta l’unico punto interrogativo dell’album, è anche emblema della sua stessa trasversalità. Alla fine, restiamo positivamente colpiti dalle capacità del quintetto, soprattutto perché nato così, dal nulla. E pur nella sua scarsa capacità inventiva, in esso rivediamo quella freschezza che avevamo riconosciuto oltre 20 anni fa alla band di Portnoy.

Voto recensore
8
Etichetta: ProgRock Records

Anno: 2010

Tracklist: 01. Memories Faded Away
02. Remember It
03. Call For Me
04. Don't Trust My Eyes
05. Why Nobody Cares
06. Shadows Black And Grey
07. My Will To Live

Sito Web: http://www.myspace.com/framepicturesband

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login