Freitod – Recensione: Regenjahre

“Regenjahre” è il secondo capitolo della discografia dei tedeschi Freitod, una band votata a un black metal dai forti tratti melodici e da un sentito lato epico, tanto che si potrebbe parlare di una nuova release in ambito viking senza arrovellarsi nel cercare tante etichette. I due bavaresi sono dunque il tipico ensemble che incarna la concezione di black che sembra fare più breccia tra le nuove leve. La produzione è nitida e competitiva, le esecuzioni curate nei minimi particolari, mentre il panorama lirico è concentrato sulla natura e gli immancabili “inner-struggles” (“Freitod” è difatti un’espressione non traducibile che in tedesco suona più o meno come “dolce suicidio”). A ben vedere i punti di forza dell’album terminano già qui, per il resto, così come è doveroso lodare la cura formale del prodotto e l’ottimo mestiere dei musicisti, è altrettanto vero che le composizioni si arenano un po’ in passaggi privi di slancio e cadono nell’errore di essere portate avanti a lungo, finendo per riciclarsi. E se all’inizio dell’album l’ascolto è anche gustoso (con brani ricchi di enfasi che propongono l’alternarsi tra ruvide parti metal e altre acustiche con l’ utilizzo dello screaming misto a voce pulita) dopo un paio di episodi è già chiaro come i nostri si adagino timidamente sulle coordinate del compito ben svolto ma che proprio non osa. Segnaliamo momenti ben riusciti come “Sterbenswart”, dai ritmi dilatati e posto su coordinate ambient e chiudiamo notando come nel suo complesso “Regenjahre” non sia altro che un ennesimo prodotto ad esclusivo vantaggio degli incalliti supporters di questo panorama. Sufficienza stiracchiata e a voi l’ardua sentenza.

Voto recensore
6
Etichetta: Vàn Records / Audioglobe

Anno: 2012

Tracklist:

 

01. Regenjahre
02. Der Traumsturm
03. Neue Wege
04. Letztes Wort
05. Sterbenswert
06. Nichtssagend
07. WenAllesZerbricht


Sito Web: http://www.facebook.com/pages/Freitod/179797205400707

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login