Reciprocal – Recensione: Reciprocal

Finalmente dopo un lungo periodo di attesa ha avuto luce questo attesissimo "Reciprocal", album di debutto della omonima band americana. La gestazione del cd non è stata certo facile per il quartetto, che tra l’altro aveva un accordo con Unique Leader, ma che è stato incredibilmente, e immeritatamente, lasciato "a piedi". L’attesa per me è stata abbastanza "febbricitante", siamo nell’ambito technical/brutal/death, genere che ascolto in abbondanza, ma nel quale sbagliare e fare uscire un obrobrio è più facile di quanto si pensi. Dalle canzoni che già circolavano nel web, la direzione musicale intrapresa nelle undici canzoni era scontata. Però, a mio avviso, nel lungo tempo di attesa i Reciprocal sono riusciti ad capire e mettere a posto quello che non andava, quindi con un ulteriore salto di qualità nella stesura e dinamica delle song. Mi aspettavo una copia di quanto fatto negli ultimi album da parte di Origin e Decrepit Birth, in realtà qui la proposta musicale è abbastanza personale. I quattro sono musicisti di primordine, per cui nulla da eccepire sulle loro qualità strumentali/vocali, forse l’unico neo è l’uso dell’alternanza di screaming e growl, usata oramai da molte band brutal, ma uso e costume nel brutalcore. Dicevamo technical, ma un tecnicismo mai fine a stesso e sterile, certo il loro death/brutal è molto intricato e pieno di "finezze", ma il nell’insieme non viene mai diementicata quella buona dose di violenza e brutalità. In "Wrath" e "Spiritual Disease" è possibile chiaramente sentire un debito nei confronti del death old school, mentre in "Hopeless" possiamo trovare elementi power. Riff e assoli epici, numerosi cambi di tempo, blast velocissimi, fanno capolino in quasi tutte le canzoni, cioè è impreziosito da un potente e cavernoso growl. Mi trovo in difficoltà ad indicarvi una canzone che possa indentificare l’album, come è difficile identificare una canzone meno ben fatta rispetto alle altre. Il disco, nonostante il neo sopracitato, è di ottima fattura, sicuramente un pezzo da avere se si è amanti del genere.

Voto recensore
8
Etichetta: Self Released

Anno: 2009

Tracklist: 01.Voice of Evil
02.Victims of Circumstance
03.Hopeless
04.Wrath
05.Spiritual Disease
06.Idiopathic Pandemic Spreading
07.Zombiopsy
08.Hadalpelagic Worms
09.Below
10.Aeons of Ruination
11.Fallen
Sito Web: http://www.myspace.com/reciprocal

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login