Saturnalia Temple – Recensione: To The Other

Tre anni dopo l’interessante debut “Aion Of Drakon”, gli svedesi Saturnalia Temple tornano sul mercato discografico con “To The Other”, nuova testimonianza del two-piece di Stoccolma. L’album può essere inteso come una sorta di evoluzione del suo predecessore, un platter che evidenziava un modus operandi particolare nell’esprimere la materia doom. Un suono pressante e riverberato,  passaggi lisergici e ipnotici che nella loro ripetitività evidenziavano un andamento quadrato e marziale grazie a melodie portanti rigide ma altrettanto orecchiabili.

“To The Other “ prosegue lungo il sentiero tracciato, solo che i brani diventano un poco più snelli e la band li irrora spesso con acidi ritrovati psichedelici. Ma i Saturnalia Temple sono ancora un muro sonoro che non si riesce a scalfire, i tappeti di riff perpetuati e la sezione ritmica muscolare e costante dipingono paesaggi plumbei e desolati, ideali compagni del sostrato lirico magico/esoterico caro ai nordeuropei.

La diabolica intro a base di cupi cori monastici ci porta a “Zazelsorath”, guidata da un basso distorto e dal growl profondo, episodio pregno di sensazioni droniche. “To The Other” è una sorta di heavy/blues appesantito all’inverosimile, disarticolato e arricchito da tastiere che ne accentuano il gusto acido, portato all’estremo da un finale di loop elettronici che diventano sempre più intensi e disturbanti. “Snow Of Reason”, sorta di rilettura delle influenze sabbathiane, rivela una inattesa orecchiabilità, ma il finale elettrificato è dannatamente veloce.

La seconda parte dell’album insiste in modo ancora più vistoso su marce quadrate, lente ma minacciose come una colata lavica, tra le quali emerge “Black Sea Of Power”. La conclusiva “Void”, vero trip strumentale, congeda un gruppo che dimostra come un sound tanto monocorde ed ossessivo, possa prodigarsi in un caleidoscopio sonoro pieno di sfaccettature.

Voto recensore
7
Etichetta: Listenable Records

Anno: 2015

Tracklist:

01.  Intro
02.  ZazelSorath
03.  To The Other
04.  Snow Of Reason
05.  March Of Gha'agsheblah
06.  Black Sea Of Power
07.  CrownedWithSeven
08.  Void


Sito Web: https://www.facebook.com/saturnaliatemple

andrea.sacchi

view all posts

Poser di professione, è in realtà un darkettone che nel tempo libero ascolta black metal, doom e gothic, i generi che recensisce su Metallus. Non essendo molto trve, adora ballare la new wave e andare al mare. Ha un debole per la piadina crudo e squacquerone, è rimasto fermo ai 16-bit e preferisce di gran lunga il vinile al digitale.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login