Septic Flesh – Recensione: Titan

Sembra essere un momento di stasi per i SepticFlesh. A tre anni di distanza dal non troppo brillante “The Great Mass” (la recensione), il combo ellenico torna a far parlare di sé in occasione del nono studio album “Titan” (i dettagli), nuova creatura della band che continua a proporre l’ibridazione tra un metal estremo sfaccettato (per quanto la componente death sia la più forte) e sonorità orchestrali ricche di enfasi.

Prosegue anche la collaborazione con la filarmonica di Praga, un notevole dispiegamento di forze che comprende ottanta esecutori e trentadue coristi. Eppure, se tutto è perfetto da un punto di vista formale, siamo a sottolineare come i brani non brillino per una particolare intensità e nonostante riescano ad affascinare in forza di quel loro inconfondibile contenuto esoterico e lovecraftiano, tendano ad essere simili tra loro quando considerati in una visione d’insieme.

“Titan” è il trionfo di un’estetica plastificata. “Titan” fa si che emergano sensazioni epiche  e wagneriane che si concretizzano in episodi irrorati da arrangiamenti orchestrali la cui enfasi, così forte, scade purtroppo a tratti in una magniloquenza persino eccessiva e “kitsch”, per quanto il bagaglio tecnico degli artisti e la confezione del lavoro siano assolutamente inattaccabili. Il platter bilancia dei momenti di metal estremo che spesso guardano al periodo primigenio del gruppo, un death/black metal talvolta veloce ed incisivo, talvolta lento, rarefatto, spezzato poi dai passaggi sinfonici che costruiscono dei momenti a sé stanti piuttosto che amalgamarsi con tutto il resto.

Naturalmente l’album non è da scartare nella sua totalità, forti di un’esperienza di oltre due decenni, i SepticFlesh riescono comunque ad infilare alcuni brani di spessore, sebbene il livello non resti sempre assestato. Le reminiscenze frostiane e il mood esoterico di “Burn” ricordano i tempi migliori, l’avanzare lavico di “Dogma” e ancora la titletrack, solenne ma non gonfia, mostrano a tutti come il gruppo greco possieda ancora una certa stoffa.

Peccato però che l’ascolto non brilli di continuo ma mostri alcuni nervi scoperti. “Titan” è tanto grande da un punto di vista esecutivo e nella forma quanto cedevole nella sostanza.

Voto recensore
6
Etichetta: Season Of Mist

Anno: 2014

Tracklist:

01.  War In Heaven
02.  Burn
03.  Order Of Dracul
04.  Prototype
05.  Dogma
06.  Prometheus
07.  Titan
08.  Confessions Of A Serial Killer
09.  Ground Zero
10.  The First Immortal


Sito Web: http://www.septicflesh.com/

andrea.sacchi

view all posts

Poser di professione, è in realtà un darkettone che nel tempo libero ascolta black metal, doom e gothic, i generi che recensisce su Metallus. Non essendo molto trve, adora ballare la new wave e andare al mare. Ha un debole per la piadina crudo e squacquerone, è rimasto fermo ai 16-bit e preferisce di gran lunga il vinile al digitale.

3 Comments Unisciti alla conversazione →


  1. Andrea Del Prete

    A mio modesto parere è uno dei dischi dell’anno!

    Reply
  2. Andrea

    Concordo, e devo dire che ultimamente mi trovo spesso in disaccordo con le recensioni del sito

    Reply
  3. Mirko

    Concordo. Disco dell’anno. Bisogna essere sordi per valutare in questo modo un’opera death metal. Non c’é altra spiegazione.

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login