Mad Max – Recensione: Thunder, Storm & Passion

Dopo “Interceptor”, uscito un paio di anni fa, i tedeschi Mad Max hanno deciso di fare una piccola pausa per quanto riguarda le novità e di concentrarsi su un’uscita discografica più consistente che riprendesse i momenti più importanti della loro carriera passata. Nasce quindi il doppio album “Thunder, Storm & Passion”, il cui titolo non è altro che un gioco di incastri dei titoli di tre album pubblicati dalla band di Michael Voss negli anni ’80, ovvero “Rollin’ Thunder”, “Stormchild” e “Night of Passion”. Con questa raccolta i Mad Max ci riportano quindi indietro nel tempo, in una selezione dei loro brani meglio riusciti e ri-registrati in una veste più moderna, dimostrando come lo stile della band si sia mantenuto sostanzialmente invariato nel corso del tempo. A parte “Thoughts Of A Dying Man”, con il suo incedere lento e malinconico (come il titolo lascia intuire), la band ha collezionato da sempre una serie di pezzi di heavy metal tedesco, dal ritmo solido e scanditi senza sosta dai riff di chitarra e dagli interventi corali che ancora oggi li caratterizzano (e non solo loro, naturalmente). Brani come “Fly Fly Away”, la title track “Stormchild” o “Burning The Stage”, ma anche gli altri brani contenuti nel primo CD, hanno conservato il loro appeal e sono invecchiati bene come una buona bottiglia di annata. Il secondo CD invece crea una specie di ponte ideale tra passato e futuro e ripropone il live tenuto dai tedeschi all’edizione 2014 del Bang Your Head Festival. Oltre a una registrazione di ottima qualità, i Mad Max (che dal vivo di solito se la cavano sempre bene) hanno immortalato un’esibizione lineare e piena di energie, in cui alcuni brani dell’ultimo periodo di attività della band si intrecciano con pezzi del repertorio più classico, contenuti anche nel primo CD, e riproposti appunto anche in versione live. In sostanza, il CD live è poco più di una ripetizione in sede live di una parte del contenuto del CD dei classici, ma per un album che ha lo scopo di sintetizzare un pezzo di storia del gruppo, può andare bene così.

Voto recensore
7
Etichetta: SPV

Anno: 2015

Tracklist:

CD 1 (Re-Recorded Classics)

1. Fly Fly Away 04:33
2. Losing You 04:08
3. Rollin`Thunder 04:24
4. Thoughts Of A Dying Man 05:58
5. Never Say Never 03:16
6. Lonely Is The Hunter 05:40
7. Stormchild 03:46
8. Heroes Die Lonely 03:37
9. Burning The Stage 05:35
10. Wait For The Night 04:21
11. Night Of Passion 03:52
12. Hearts On Fire 03:45

CD 2 (Bonus CD “Live at Bang Your Head Festival 2014”)

1. Burning The Stage 05:23
2. Night Of Passion 03:53
3. Rolling Thunder 05:03
4. Wait For The Night 04:40
5. Lonely Is The Hunter 06:24
6. Never Say Never 03:52
7. Thoughts Of A Dying Man 06:19
8. Fox On The Run 06:25


Sito Web: https://www.facebook.com/MadMaxOfficialWebsite?fref=ts

anna.minguzzi

view all posts

Va molto fiera del fatto di essere mancina e di essere nata a San Giovanni in Persiceto, paese della provincia bolognese. Ha scritto le sue prime recensioni a dodici anni durante un interminabile viaggio in treno e da allora non ha quasi più smesso. Quando non scrive o non fa fotografie legge, va a teatro, canta in due cori, va in bicicletta, guarda telefilm, mangia Pringles, beve the e di tanto in tanto dorme. Ci tiene a ribadire che adora i Dream Theater, che ha visto dal vivo almeno venti volte, e se non assiste ad almeno un concerto ogni settimana va in crisi di astinenza.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login