Wayward Sons – Recensione: The Truth Ain’t What It Used To Be

Secondo album per gli Wayward Sons di Toby Jepson, già frontman dei Little Angels e dei Gun: un lavoro decisamente convincente e coinvolgente, un gigantesco passo avanti rispetto al pur buon debutto. Dall’inizio alla fine, è un continuo fluire di hard rock che trasuda divertimento, passione e pesca dalla scena glam e hard rock degli anni Settanta, affrontando con tagliente ironia temi di carattere politico e sociale.

“The Truth Ain’t What It Used To Be” è un album carico di energia e frizzante, che strizza ripetutamente l’occhio, musicalmente parlando, a Thin Lizzy e Mott The Hoople. Un’operazione che rivisita il passato aggiornandolo con un sound tagliente di assoluta modernità, in ciò ricordando parecchio da vicino, per atmosfere e sensazioni, quanto creato da Joe Elliott con i Down’N’Outz (il trait d’union esiste in carne ed ossa, ed è Phil Martini, batterista di entrambe le band). Con la differenza che i brani su “The Truth Ain’t What It Used To Be” non sono cover, ma pezzi originali che nelle lyrics affrontano concetti e questioni di attualità. E qui un altro riferimento per capire di cosa stiamo parlando, anche per l’approccio non privo di humour nero, possono essere i geniali D.A.D., con la cosa che diventa evidente nell’intro della title track. Il lavoro, godibile dall’inizio alla fine, ha alcuni momenti clamorosi a metà percorso, quando le cose si fanno davvero interessanti: dallo spettacolare singolo “Joke’s On You” alla coinvolgente narrazione di “Little White Lies”, dall’ariosa “Feel Good Hit” alla crepuscolare “Fade Away”: il cuore pulsante dell’album, che diverte, trascina ed emoziona.

Efficace e d’impatto, oltre ad essere perfettamente in linea con la proposta musicale, anche la cover con immagini e grafica che traducono visivamente, richiamando un fumetto, il senso del racconto narrato anche attraverso una serie di quattro videoclip da altrettanti brani dell’album, pensati come concept e lanciati in sequenza negli scorsi mesi. Nel complesso, una bellissima e gustosa sorpresa.

Etichetta: Frontiers Records

Anno: 2019

Tracklist: 01. Any Other Way 02. Black As Sin 03. Joke’s On You 04. Little White Lies 05. Feel Good Hit 06. Fade Away 07. Have It Your Own Way 08. Long Line Of Pretenders 09. (If Only) God Was Real 10. The Truth Ain’t What It Used To Be 11. Punchline 12. Us Against The World
Sito Web: https://www.waywardsonsband.com/site/

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login