Header Unit

Nightrage – Recensione: The Puritan

Mancavano da quattro anni i greci Nightrage, ma sinceramente non ne sentivamo molto la mancanza. La band del chitarrista Marios Iliopoulos è infatti uno dei maggiori esempi di scarsa originalità e immobilismo stilistico che si possano ascoltare nella scena melodic death metal.

Fin dagli inizi la adesione agli schemi tipici dello swedish death metal (at The Gates in testa) è stata totale, ma senza dubbio l’abilità mostrata nel riprodurre certe sonorità ha portato ai nostri una meritata fama tra i fan sfegatati del genere.

A distanza di quindici anni però il discorso rimane esattamente identico: il sound della band è completamente derivativo, la composizione non ha nulla di particolare da raccontare e ciò che salva la baracca è solo la buona preparazione professionale della band, con il bravo Marios in prima fila.

I Nightrage alternano come sempre brani più classicamente tirati, come le iniziali “The Puritan” e “With A Blade Of A Knife”, ad altri percorsi da maggiore melodia e qualche apertura in voce pulita, come “Desperate Vows” e la più metal oriented (e molto Children Of Bodom) “Endless Night”.

Se aggiungete che “Stare To Infinity” (il video) assomiglia in modo quasi imbarazzante a quanto presentato dagli In Flames ai proprio albori, avrete chiuso il cerchio.

Nemmeno il cambio di line-up, con l’ingresso del nuovo singer Ronnie Nyman cambia le carte in tavola, avendo il nostro la stessa tipologia di voce del suo predecessore e limitandosi probabilmente ad eseguire quanto previsto dal capitolato.

Non vogliamo essere troppo duri nel giudizio, visto che la mancanza cronica di originalità è in fondo male comune gran parte delle band di genere, ma dopo così tanti anni e ben sei dischi non riusciamo più a trovare nulla di minimamente interessante da dire su una band come i Nightrage. Crediamo di non far torto a nessuno dicendo che “The Puritan” è un disco formalmente valido, ma destinato solo a chi li ha sempre seguiti o agli amanti più insaziabili del genere.

Voto recensore
6
Etichetta: Despotz Records

Anno: 2015

Tracklist:

01. The Puritan
02. With A Blade Of A Knife
03. Desperate Vows
04. Endless Night
05. Foul Vile Life
06. Stare Into Infinity
07. Lone Lake (Instrumental)
08. Son of Sorrow
09. When Gold Turns To Rust
10. Fathomless
11. Kiss Of A Sycophant


Sito Web: http://www.facebook.com/pages/Nightrage/13231595066?ref=mf

riccardo.manazza

view all posts

Incapace di vivere lontano dalla musica per più di qualche ora è il “vecchio” della compagnia. In redazione fin dal 2000 ha passato più o meno tutta la sua vita ad ascoltare metal, cominciando negli anni ottanta e scoprendo solo di recente di essere tanto fuori moda da essere definito old school. Il commento più comune alle sue idee musicali è “sei il solito metallaro del cxxxo”, ma d'altronde quando si nasce in piena notte durante una tempesta di fulmini, il destino appare segnato sin dai primi minuti di vita. Tra i quesiti esistenziali che lo affliggono i più comuni sono il chiedersi il perché le band che non sanno scrivere canzoni si ostinino ad autodefinirsi prog o avant-qualcosa, e il come sia possibile che non sia ancora stato creato un culto ufficiale dei Mercyful Fate.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login