Steve Rothery – Recensione: The Ghosts Of Pripyat

Ossequioso discepolo di Steve Hackett (qui in veste di ospite), Steve Howe è soprattutto David Gilmour, Steve Rothery, dopo essersi espresso per trent’anni in seno alla sua band, i Marillion, ed in altri progetti (ricordiamo i Wishing Tree) e collaborazioni esordisce finalmente “a solo” (i primi tentativi risalgono al 1985?!?) con il pluriannunciato e rimandato “The Ghosts Of Pripyat”, album interamente strumentale che soddisfa in buona parte le aspettative ma avrebbe potuto essere più “completo”. Questo lavoro è stato finanziato con denaro raccolto tramite una campagna Kickstarter (15.000 sterline raccolte in 24h tanto per rendere l’idea).

“Morpheus” è Pink Floyd al 100% anche se sarebbe errato non riconoscere al chitarrista inglese un tocco personale che si fa apprezzare in particolare nell’assolo in chiusura di pezzo eseguito con mano davvero sapiente. I ritmi, pur avvolgenti, sono sempre lenti e le melodie basilari ma azzeccate (“The Old Man Of The Sea” che vede anche la partecipazione di Steven Wilson); ad esempio “Summer’s End” ricorda il Mark Knopfler più intimista e poi si evolve in un pezzo hard rock anni ’70 con tanto di Hammond suonato dal bravo Riccardo Romano ad accompagnare l’outro.

Siamo comunque contenti di poter gustare il talento di Rothery anche al di fuori della band madre sottolineandone la classe chitarristica e l’innato gusto melodico.

Voto recensore
7,5
Etichetta: Inside Out

Anno: 2015

Tracklist:

01. Morpheus

02. Kendris

03. The Old Man Of The Sea

04. White Pass

05. Yesterday’s End

06. Summer’s End

07. The Ghosts Of Pripyat


Sito Web: http://www.steverothery.com

1 Comment Unisciti alla conversazione →


  1. Pripyat

    Grandissimo!!!!!!! Un mito come pochi, come suona lui la chitarra non la suona nessuno, bellissimi gli assoli accompagnati dal organo hammond, The Ghosts Of Pripyat Ottimo disco, vai Rothery fai vibrare le corde come sai fare tù, sei un grande, la tua musica sta nel cuore di tutti noi.
    Bravissimo.

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login