Electric Boys – Recensione: The Ghost Ward Diaries

Gli Electric Boys sono oggi la classica band poco conosciuta però di culto perché nei “soliti” epocali anni ’80 ha raggiunto il vero successo commerciale (non quello effimero odierno) basando il loro classic hard rock sulle cose più groovy della decade precedente e la ricerca melodica connessa alla sperimentazione psichedelica risalente addirittura agli anni’60; quando parlo di successo intendo album prodotti da Bob Rock (il bellissimo esordio “Funk-O-Metal Carpet Ride”), singoli nei primi posti di Billboard e in onda su MTV, registrazioni effettuate agli studi Abbey Road… prima del prematuro scioglimento del 1994.

Riunitisi nel 2009, gli svedesi arrivano con “The Ghost Ward Diaries” già al terzo lavoro della loro seconda fase; trainato dal singolo “Hangover In Hannover” che ha il classico approccio sleaze hard rock anni ‘80 il pezzo è una sorta di dichiarazione d’amore a Hanoi Rocks e Whitesnake.

“There She Goes Again” chiama in causa il mitico e compianto Gary Moore (quell pre-svolta blues) mentre “You Spark My Heart” è l’esempio perfetto di come si scrive un pezzo melodico nostalgico ma fresco. Un istrionico Conny Bloom (voce e chitarra) guida “Love Is A Funny Feeling”, pezzo ruffiano quanto basta ma che rende il nuovo album degli Electric Boys piacevole nella sua semplicità e nel gustoso sapore di già sentito (da non leggere con connotazione negativa).

“Gone Gone Gone” è Aerosmith al 100% e chiarisce cosa piace alla band di Stoccolma: riff di chitarra, ritornelli ficcanti e groove coinvolgenti in un revival unicamente analogico; lo strumentale “Swampmotofrog” serve da spartiacque verso un finale più marcatamente classico (“First The Money, Then The Honey” e “Rich Man, Poor Man”).

Con un passato ingombrante come quello rappresentato dai primi tre lavori è difficile elevare lodi sperticate a questo nuovo corso degli Electric Boys ma solo segnalare un onestissimo album di hard rock senza orpelli ma di sicuro interesse per gli aficionados della tradizione.

Voto recensore
7
Etichetta: Mighty Music/Target Group

Anno: 2018

Tracklist: 01. Hangover In Hannover 02. There She Goes Again 03. You Spark My Heart 04. Love Is A Funny Feeling 05. Gone Gone Gone 06. Swampmotofrog 07. First The Money, Then The Honey 08. Rich Man, Poor Man 09. Knocked Out By Tyson 10. One Of The Fallen Angels
Sito Web: https://www.facebook.com/electricboys/

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login