Suicide Silence – Recensione: Suicide Silence – Ending Is The Beginning – The Mitch Lucker Memorial Show 21-12-2012

“Era un alcolizzato, fu una grande battaglia. Cercai di fermarlo, ero difronte a lui pregandolo di non uscire. Lo pregavo. ‘Seriamente, fallo per noi, non uscire’. Ma lui lo fece. E questo è quanto è successo…Era un grande uomo, un padre ed un marito meraviglioso. Adesso non vedrà Kenadee crescere, perché ha deciso di bere e guidare la moto”.

Con queste parole Jolie Carmadella, moglie del defunto Mitch Lucker, assisteva alla veglia presso il luogo dell’incidente che ha portato via nella notte tra il 31 Ottobre ed il 1 Novembre del 2012 il singer dei Suicide Silence. Inutile disquisire sulle cause, sulle motivazioni, su cosa fosse giusto e cosa sbagliato, fatto sta che le cose sono andate così, per il peggio.

Il 21 Dicembre del 2012 si è tenuto un concerto in sua memoria ed ha visto la partecipazione di nomi importanti del panorama estremo mondiale, inclusi ex-membri dei Suicide Silence, il tutto per sostenere la futura educazione della piccola bimba orfana del padre Mitch.

Tra i vari personaggi che hanno preso parte all’evento ricordiamo Jonny Davy (Job For A Cowboy), Brook Reeves (Impending Doom), Phil Bozeman (Whitechapel), Tim Lambesis (As I Lay Dying), Eddie Hermida (All Shall Perish), attuale cantante della band, Rob Flynn in  veste acustica che mette in scena una cover dei Black Sabbath, Max Cavalera e la sua immancabile Roots Bloody Roots, Rhandy Blythe (Lamb Of God) che chiude il concerto con “You Only Live Once” e la voce dello stesso Mitch Lucker, registrata durante un concerto, che si cimenta nella cover di Engine #9 dei Deftones.

Il Dvd in questione è sicuramente una release che non deve mancare nella collezione di ogni estimatore della band, dal momento che testimonia un evento unico che rimarrà per sempre nella storia del combo Californiano. Dal punto di vista tecnico i brani sono riproposti in maniera impeccabile, d’altronde i ragazzi ci sanno fare, nell’ambito Deathcore sono dei veri e propri maestri; i suoni godono della timbrica tipica della dimensione live, ma mantengono tutta la loro potenza, il dvd con il supporto delle immagini contribuisce a catapultare l’ascoltatore direttamente nel mosh pit,  l’atmosfera che si respira è quella di una grande festa, non di una cerimonia funebre, perché è giusto che sia così, non potrebbe essere altrimenti.

Il prodotto è stato realizzato per una giusta causa ed è altrettanto giusto supportarla.

Voto recensore
8
Etichetta: Century Media

Anno: 2014

Tracklist:

01. Destruction of a Statue with Jonny Davy
02. Distorted Thought of Addiction with Greg Wilburn
03. Ending is the Beginning with Brook Reeves
04. Bludgeoned to Death with Ricky Hoover
05. Unanswered with Phil Bozeman
06. Girl of Glass with Myke Terry
07. Price of Beauty with Danny Worsnop
08. No Pity For A Coward with Johnny Plague
09. Disengage with Cameron “Big Chocolate” Argon
10. No Time to Bleed with Burke VanRaalte
11. Smoke with Anthony Notarmaso
12. Wake Up with Tim Lambesis
13. March to the Black Crown
14. Slaves to Substance with Eddie Hermida
15. OCD with Austin Carlile
16. Fuck Everything with Chad Gray
17. Die Young with Robb Flynn
18. Roots Bloody Roots with Max Cavalera
19. Engine #9 with Mitch Lucker
20. You Only Live Once with Randy Blythe


Sito Web: http://www.suicidesilence.net/

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login