Matt Sorum’s Fierce Joy – Recensione: Stratosphere

Matt Sorum’s Fierce Joy è il monicker  utilizzato dal leggendario batterista  per far uscire il suo nuovo album in studio Stratosphere tramite Rok Doc Recordings.

In queste nuove composizioni Sorum, noto ai più per la sua militanza in gruppi come i The Cult, Guns N’Roses e Velvet Revolver ha modo di esprimere la sua creatività e versatilità non solo componendo interamente l’album e cimentandosi dietro il microfono, ma anche suonando tutte le parti di piano e di chitarra acustica facendo emergere un lato totalmente nuovo della sua personalità. Molti suoi fan sono già a conoscenza del suo impegno e attivismo costante a favore degli animali e dei diritti umani e questo suo animo sensibile ha prodotto le composizioni presenti su Stratosphere. Come prima cosa infatti bisogna dire che in questo platter c’è ben poco delle sonorità delle band che lo hanno reso famoso, questo è un lavoro intimo, quasi ad un livello cantautorale, ma la struttura dei pezzi comunque è sempre rock al 100%. A prova di quanto appena detto l’iniziale “The Sea” esprime al meglio il concetto, mentre con la successiva “What Ziggy Says”, Sorum rende omaggio al Duca Bianco con una prestazione vocale davvero sopra le righe. Il brano successivo “For The Wild Ones” ricorda la sfrontatezza di un artista poliedrico come Iggy Pop e il pezzo è trascinante e trasuda energia da tutti i pori, mentre “Good Bye To You” invece è una riuscita ballad malinconica dal retrogusto pop. Da segnalare anche la molto toccante e delicata composizione  al piano “Josephine”, brano che Sorum ha composto e dedicato a sua nonna e “The Lonely Teardrop”, un pezzo in cui la musica e la voce si fondono alla perfezione con i rumori della natura. Un lavoro questo “Stratosphere” di un artista maturo che non deve dimostrare nulla a nessuno, ma che comunque riesce a sorprendere e ci fa scoprire la completezza di Sorum sia come musicista che come uomo.

Da segnalare che a questo link sono anche disponibili i sample audio dell’intero album.

 

Voto recensore
8
Etichetta: Rok Dok Recordings/Kobalt Label Services

Anno: 2014

Tracklist:

01. Intro (Stratosphere Part 1)

02. The Sea

03. What Ziggy Says

04. For The Wild Ones

05. Goodbye To You

06. Gone

07. Lady Of The Stone

08. Ode To Nick Drake

09. Blue

10. Josephine

11. Land Of The Pure

12. Killers N Lovers

13. The Lonely Teardrop

14. Outro (Stratosphere Part 2)


Sito Web: http://mattsorum.com/

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login