Bloodbound – Recensione: Stormborn

Dopo un inizio di carriera degno di nota, i Bloodbound si stanno adagiando sugli allori. Che abbiano imboccato una inesorabile parabola discendente? Chi virà vedrà, ma sicuramente, gli ultimi tre lavori, da “Unholy Cross” in poi, hanno perso in smalto, energia e convinzione. L’ultimo album in ordine di tempo per la band svedese è questo “Stormborn”, nulla di clamoroso, nonostante i proclami roboanti di una label rampante come la AFM.

 Tralasciando il concept narrato, ci concentriamo sulla musica, che per i Bloodbound non è cambiata di una virgola fin dagli esordi, ovvero un heavy metal con influenze power, granitico nei riff e classico nelle melodie. I nostri non hanno ancora deciso se seguire le orme di Iron e Judas o gettarsi a testa bassa sul power helloweeniano, per questo motivo i brani di “Stormborn” restano sempre in bilico fra i due generi. Doppiacassa a manetta o poderose cavalcate hard ‘n heavy? A seconda delle song i nostri si schierano da una parte o dall’altra, proponendo un muro sonoro d’impatto, che, però, sulla lunga distanza stanca. Patrik Johansson mostra tutta la propria potenza vocale e ruggisce come un leone, ma non può essere valorizzato in espressività da linee melodiche decisamente tradizionali, come nell’opener “Satan Panic”. Incredibile, ma vero, i Bloodbound sono riusciti a mantenere in line-up anche il tastierista, nonostante il suo ruolo sia di solo contorno ed incentrato su tappeti atmosferici ed alcuni arrangiamenti mai troppo invadenti, come nella powereggiante title track.

I Blodbound si confermano una band classica fino al midollo, trascinante on stage, ma troppo prevedibile su disco. “Stormborn” è un lavoro potente ed immediato, a tratti epico e magniloquente, che piacerà ai fan di Powerwolf e Sabaton e a chi ha apprezzato la band svedese fin da ora. Per tutti gli altri un ascolto prima dell’acquisto è sicuramente consigliato.

Voto recensore
5,5
Etichetta: AFM Records / Audioglobe

Anno: 2014

Tracklist:

01. Bloodtale (intro)
02. Satanic Panic
03. Iron Throne
04. Nightmares From The Grave
05. Stormborn
06. We Raise The Dead
07. Made Of Steel
08. Blood Of My Blood
09. When The Kingdom Will Fall
10. Seven Hells
11. When All Lights Fail


0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login