Paul Gilbert – Recensione: Stone Pushing Uphill Man

Con questo nuovo lavoro, l’instancabile ed eclettico Paul Gilbert riprende ad amplia alcune idee già presenti nel precedente  Vibrato” (la recensione), uscito poco meno di due anni fa, rendendole in un certo senso più estreme. Queste idee riguardano l’esecuzione di cover di celebri classici del rock, dai Beatles in avanti, in pratica, dove la chitarra spadroneggia e si occupa di tutte le parti importanti, comprese quelle vocali. “Stone Pushing Uphill Man” è quindi un lavoro incentrato esclusivamente sulle sei corde, dove l’obiettivo dichiarato di Gilbert, quello di sperimentare fino a che punto ci si può spingere con il proprio strumento, sembra raggiunto a tutti gli effetti. Le cover, in particolare, vengono riprese senza arrangiamenti strani e quindi si riconoscono immediatamente, ma, a differenza di altri lavori del genere proposti da altri artisti, in questo lavoro Paul Gilbert ha scelto artisti molto diversi fra loro e spesso decisamente lontani dal mondo del metal.

Non ci sono difficoltà quindi a riconoscere il riff e la linea vocale di “Back In The Saddle”, e probabilmente anche “Goodbye Yellow Brick Road” è sufficientemente nota per essere riconosciuta subito. Poi si passa a “Why Don’t We Do It In The Road”, uno dei pezzi “minori” dei Beatles, e qui comincia la gara per veri intenditori, che passa poi per i vecchi Police e per la cantante canadese impegnata K.D. Lang. Insomma, ancora una volta Paul Gilbert ha voluto stupire i suoi fan, dimostrando la sua vastissima cultura musicale e la sua capacità di rendere alla perfezione stili musicali così diversi e brani scritti a loro volta in epoche diverse. Tutto questo senza dimenticare la leggera vera ironica che da sempre ne contraddistingue le composizioni, a dispetto di un’apparente, ma solo apparente, eccessiva serietà iniziale. C’è bisogno di aggiungere qualcosa su come tutto questo venga eseguito alla perfezione, tra l’altro dopo che, pochi mesi fa, la Ibanez ha messo in vendita un nuovo modello di signature a lui dedicato? Divertimento alla grande.

Voto recensore
7,5
Etichetta: Music Theories Recordings/Mascot Label Group

Anno: 2014

Tracklist:

01. Working For The Weekend
02. Back In The Saddle
03. I Got The Feelin’
04. Goodbye Yellow Brick Road
05. Why Don’t We Do It In The Road
06. Shock Absorber
07. Purple Without All The Red
08. Murder By Numbers
09. My Girl
10. Wash Me Clean
11. Stone Pushing Uphill Man


Sito Web: https://www.facebook.com/paulgilbertmusic?fref=ts

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login