Lancer – Recensione: Second Storm

“Second Storm” dei Lancer potrebbe avere come sottotitolo “Keeper Of The Seven Keys Pt. 32”. Il secondo lavoro della band svedese, come tanti album nell’ultimo ventennio, riprende pari pari sonorità, melodie, strutture delle canzoni, guitar work dei due capolavori degli Helloween, in modo, in alcuni casi, anche spudorato. Ergo, chi non sopporta i copia e incolla giri tranquillamente alla larga.

I Lancer, purtroppo, si rifanno al passato anche nella produzione, che risulta un po’ datata, anche se emergono comunque le capacità di una band davvero preparata a livello strumentale, con il vocalist Isac Stenvall bravo a destreggiarsi su tonalità acute. “Second Storm” predilige gli up tempo del power teutonico, puntando su melodie di facile presa, inserite in brani comunque ben strutturati. L’opener “Running From The Tirant” si rifà a “Dr. Stein” per la velocità del riff di chitarra ed il refrain spedito, mentre il singolo “Iwo Jima”, ricorda invece “I’M Alive” per il ritornello insistito e le variazioni melodiche centrali. I Lancer, non ci stanchiamo di ripeterlo, ci propongono brani diretti, tenuti insieme da un cantante di grande valore, ma a livello di originalità siamo davvero a zero, come dimostra la lunga “Aton”, troppo simile negli inserti testieristici a “Keeper”.

I Lancer passano in rassegna l’enciclopedia del power metal teutonico e, nel corso di “Second Storm”, si possono ritrovare continui punti di contatto con Gammaray, Primal Fear ed Iron Savior, troppo poco per strappare un sei.

Più che una seconda tempesta, qui ci troviamo di fronte ad una pioggerella di stagione.

Voto recensore
5,5
Etichetta: Despotz Records

Anno: 2015

Tracklist:

01. Running from the Tyrant
02. Iwo Jima
03. Masters and Crowns
04. Behind the Walls
05. Aton
06. Children of the Storm
07. Steelbreaker
08. Eyes of the Liar
09. Fools Marches on


Sito Web: http://www.lancermetal.com/

1 Comment Unisciti alla conversazione →


  1. Emanuele Folchini

    Running from the Tyrant si rifà a Dr. Stein ?
    Iwo Jima come I’m alive ?

    …mi sa che tu il disco… o non l’hai neanche ascoltato… o non ti ricordi i brani che hai citato…

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login