Angel – Recensione: Risen

Ci sono alcuni album che, per tempistiche e contenuti, sono commoventi: “Risen” è uno di questi. Un po’ per il genere di musica, un po’ perché si tratta degli Angel, un po’ per il richiamo ad un’epoca che non c’è più, un po’ perché arriva quando ormai pochi se lo sarebbero aspettato. Un album di puro pomp rock, solo leggermente più asciutto del tradizionale Angel-style ma assolutamente in linea con la discografia della band. Una scaletta lunga e densa, che mescola in maniera efficace l’ingenuità di una proposta musicale che potrebbe suonare fuori tempo massimo e la maturità di chi guarda al proprio passato con affetto e nostalgia.

Sono della partita solo due membri della storica line-up, ma si tratta di Frank Dimino con la sua voce inconfondibile e del chitarrista Punky Meadows, fra i principali responsabili di quel sound che era e rimane il trademark della band. Due pezzi da novanta, e se è vero che Gregg Giuffria non è della partita a sostituirlo degnamente ci pensa Charlie Calv (Shotgun Symphony): l’equilibrio è in generale più spostato sulla sei corde, ma il risultato è efficace e riconoscibile.

Accanto all’accoppiata iniziale “Under The Gun”“Shot Of Your Love”, particolarmente diretta ed incisiva, i pezzi di maggiore impatto sono quelli che più ci riportano ai fasti e all’epoca del successo: “We Were The Wild” (con il grintoso furoreggiare di Punky Meadows) e “1975” (con sontuosa intro di Calv), in questo, sono deliziose anche e più degli espliciti richiami con l’“Angel Theme” in apertura e la rilettura della sempre spettacolare “The Tower”. Ancora, il dinamismo di “Over My Head”, la voce stentorea di Dimino che fa splendere la cadenzata “Desire”, il solare manifesto “Stand Up”. L’album è forse meno intenso nella seconda parte, ma si tratta di un dettaglio ampiamente compensato dall’entusiasmo che si respira in ogni nota.

Una sorprendente risurrezione anche per contenuto, quindi, capace di infondere un grande trasporto emotivo e far scendere una lacrimuccia.

Etichetta: Cleopatra Records

Anno: 2019

Tracklist: 01. Angel Theme 02. Under The Gun 03. Shot of Your Love 04. Slow Down 05. Over My Head 06. We Were The Wild 07. Desire 08. 1975 09. Don’t Want You To Go 10. (Punky’s Couch Blues) Locked Cocked Ready To Rock 11. Tell Me Why 12. I.O.U 13. Turn Around 14. Our Revolution 15. My Sanctuary 16. Stand Up 17. Tower (2019)
Sito Web: https://www.facebook.com/Angelhelluvaband/

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login