Adrenaline Mob – Recensione: Dearly Departed

Quale sia il morbo che attanaglia il nostro Mike Orlando è chiaro che nulla riesca a convincerlo a stare con le mani in mano per troppo tempo. Se dopo il debutto aveva infatti impiegato meno di un anno a buttare fuori un lavoro di cover come “Covertà”, stessa sorte tocca a questo “Dearly Departed”, solo che questa volta ci troviamo ad ascoltare un disco contenete, oltre a quattro cover, alcune tracce già note, ma riproposte in chiave diversa (edited o acustica) e anche un vero o proprio inedito.

Si tratta di “Gets You Through The Night”, brano dal taglio molto rock e sostenuto al solito da una corposa potenza esecutiva, vero punto di forza del progetto (dato che si spunti originali o personali gli Adrenaline Mob proprio non ne possiedono).

Trattandosi quindi di una band di ottimi esecutori non sorprende che le cover e i brani riarrangiati siano davvero tutti ottimamente riusciti: come non essere contenti di ascoltare “Tie Your Mother Down” (Queen) trasformata in una song hard rock dall’incedere devastante o “Devil Went To Georgia” (Charle Daniels) diventare quasi speed metal. Più scontato il medley dei Black Sabbath, ma si tratta pur sempre di un tributo che ogni band metal è tenuta a pagare.

Una bella idea rimane quella di inserire le tracce in versione acustica, un modo di mostrare un lato del gruppo diverso da quello fracassone e una dimensione in cui la band dimostra di trovarsi perfettamente a proprio agio.

Al solito si può parlare di un’uscita riservata ai soli fan della band, ma la qualità è di quelle da non far storcere il naso a nessuno. Tenetelo in considerazione.

Voto recensore
S.V.
Etichetta: Century Media Records

Anno: 2015

Tracklist:

01. Snortin' Whiskey (Pat Travers cover)
02. Dearly Departed (edited version of «Men Of Honor» track)
03. The Devil Went Down To Georgia (Charlie Daniels Band cover)
04. Crystal Clear (acoustic version of «Men Of Honor» track)
05. Black Sabbath Medley (Black Sabbath cover)
06. Gets You Through The Night (unreleased track from «Men Of Honor» sessions)
07. Angel Sky (acoustic version of Omerta track)
08. All On The Line (acoustic version of Omerta track)
09. Tie Your Mother Down (Queen cover)


Sito Web: http://www.facebook.com/adrenalinemob

riccardo.manazza

view all posts

Incapace di vivere lontano dalla musica per più di qualche ora è il “vecchio” della compagnia. In redazione fin dal 2000 ha passato più o meno tutta la sua vita ad ascoltare metal, cominciando negli anni ottanta e scoprendo solo di recente di essere tanto fuori moda da essere definito old school. Il commento più comune alle sue idee musicali è “sei il solito metallaro del cxxxo”, ma d'altronde quando si nasce in piena notte durante una tempesta di fulmini, il destino appare segnato sin dai primi minuti di vita. Tra i quesiti esistenziali che lo affliggono i più comuni sono il chiedersi il perché le band che non sanno scrivere canzoni si ostinino ad autodefinirsi prog o avant-qualcosa, e il come sia possibile che non sia ancora stato creato un culto ufficiale dei Mercyful Fate.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login