Enuff Z’Nuff – Recensione: Covered In Gold

“Covered In Gold” è l’ultima uscita discografica del combo degli Enuff Z’Nuff per celebrare i trenta anni di carriera e lo fa proponendo svariate cover degli artisti che li hanno influenzati nel profondo. Ma questo album può essere visto anche come una risposta al lavoro dell’ex componente storico Donnie Vie che all’inizio del 2014 ha pubblicato il suo addio alla band intitolato “simpaticamente” “Goodbye: Enuff Z’Nuff (la recensione).

Il gruppo comunque è intenzionato a continuare la sua attività e oltre al mastermind Chip Z’Nuff  e al cantante/chitarrista Johnny Monaco ha ripreso nelle fila Erik Donner già presente nella  formazione dal 2004 al 2006. Ad ogni modo questo nuovo platter è una collezione di brani registrati in studio, alcuni editi già sui precedenti lavori come l’iniziale “Everything Works If You Let It” dei Cheap Trick, presente assieme a “The Jean Genie” del Duca Bianco su “10” del 2000 e due versioni unplugged di “New Thing”, uno dei pezzi storici della band e “You’ve Got To Hide Your Love Away” dei Beatles eseguita allo show di Howard Stern, più altre song di artisti come i The Cult, i Nirvana, Prince e i Queen per citare i più noti. Quello che emerge è la naturalezza con cui il gruppo riesce ad appropriarsi dei brani e a farli suoi soprattutto sui pezzi dei Cheap Trick e dei Beatles e non è affatto un segreto che entrambe queste band storiche sono dei capi saldi nel background del gruppo. Meno riuscita invece è la cover di “Yankee Rose” di David Lee Roth, debole sia dal punto di vista vocale che sotto l’aspetto tecnico del brano, fortunatamente un piccolo scivolone non inficia la bontà del disco, anche se bisogna ammettere che un lavoro di questo tipo è praticamente utile solo ai più incalliti fan della band, agli altri poco importa di ascoltarsi queste versioni, preferendo sempre e comunque quelle originali, perché va detto per quanto buone e godibili qui su “Covered In Gold” non eguaglieranno mai quelle storiche.

Voto recensore
6,5
Etichetta: Cleopatra Records

Anno: 2014

Tracklist:

01. Everything Works If You Let It

02. Stone Cold Crazy

03. She Sells Sanctuary

04. All Apologies

05. Believe It Or Not

06. The Jean Genie

07. Run For Your Life

08. When Doves Cry

09. Tears Of A Clown

10. The Stroke

11. Yankee Rose

12. Jealous Guy

13. You’ve Got To Hide Your Love Away (Live On “Howard Stern”) (Bonus Track)

14. New Thing (Live Unplugged In London) (Bonus Track)


Sito Web: http://www.enuffznuff.com/

1 Comment Unisciti alla conversazione →


  1. Capitan Andy 74

    …questo album aggiunge poco o niente alla incredibile carriera di questo combo originario di Chicago! I soli e unici beatles dell’hard rock!!! questa definizione calza a pennello su questa storica band nata nell’ormai aime’ lontano 1985!!!…hanno pubblicato ben 12 album dal primo contratto con la Atco nel 1989 e tutti hanno la sua rilevanza storica nel loro genere che io definerei vero glam rock anni ’80 ma con grandi influenze anni ’60 appunto!!! tutto e’ funzionato alla perfezione tra i due lennon mccarthy donnie vie e chip z’nuff finche’ il prima quest’anno ha detto…”quando basta,basta” appunto il significato di “Enuff Znuff”….a parte gli scherzi la storia di questa fantastica band e’stata purtroppo minata da parecchi lutti il drummer richie parent e il mitico guitar hero derek frigo purtroppo non sono piu’ tra noi ma rimarranno sicuramente le loro stupende canzone che suoneranno per sempre nei cuori di noi ex giovani che hanno vissuto la grande ondata losangelena di fine anni ’80!….vi prego…andate a riscoprire almeno i primi tre grandissimi album “enuff znuff” ,”strenght” e “animals with human intelligence di questa fantastica band….una delle mie preferite…si era capito? 🙂

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login