Voodoo Gods – Recensione: Anticipation For Blood Leveled in Darkness

Torna dopo l’ep “Shrunken Head”  l’all star band americana Voodoo Gods. Nati a Tampa sotto il moniker omonimo Shrunken Head da un’idea di Alex von Poschinger, Tony Norman e Seth Van De Loo, oltre a quest’ultimo, tra le sue file troviamo lo stesso Alex e pezzi grossi del calibro di George “Corpsegrinder“, Jean Baudin e Jacek Hiro. La proposta del quintetto è semplice e lineare: un death metal di stampo old school con influenze thrash, né troppo semplice e grezzo né troppo arzigoggolato. Forse l’elemento che non impressiona più di tanto se pensiamo al peso dei personaggi in questione è la batteria, che risulta abbastanza lineare ma comunque calzante a ciò che ci offre il combo. Più in generale siamo di fronte ad un lavoro ben strutturato, dove tutto viene giocato sull’intessere di riff che sviluppano delle melodie talvolta veramente coinvolgenti ed evocative; e sull’inserimento di assoli di ottima fattura la maggior parte di matrice classica. Questo è quello si riesce apprezzare ad un primo ascolto, oltre ai bei cambi di atmosfera come in “The Termination Of God” o i cambi di tempo come in “The Astral Dawn – Devotion to the Great Nebula”. Finalmente percepiamo maggiormente la presenza del basso in “Cetewayo” canzone anch’essa articoata, ma è “Endeavors of a Syphilitic Missionary and his Death – Dawn of the Voodoo Ostinati” uno dei migliori lavori del set, magari meno “ricca” ma d’effetto. Un’altro pezzo degno di nota è “Wrath Of the Invisible Children”, forse la canzone più completa che abbiamo qui, dove il basso viene fuori con tutta la sua personalità. Abbiamo saltato “Renaissance Of Retribution” perchè nell’economia di “Anticipation For Blood Leveled in Darkness” è la meno incisiva. Il cd si chiude con “Article 246“, la quale oltre ad inglobare gli elementi precedenti dà sfogo a quel che di tribale è contenuto nel loro appellativo.

Un disco onesto, diretto, death che sa stupire con la qualità dei propri passaggi e con gli assoli ben eseguiti; una band i cui elementi, non inventano nulla di nuovo, ma sanno benissimo quello che fanno e lo fanno maledettamente bene.

Voto recensore
7
Etichetta: Saturnal Records

Anno: 2014

Tracklist:

01.Return of the Rainbow Serpent
02.The Termination of God
03.The Astral Dawn – Devotion To The Great Nebula
04.Cetewayo
05.Endeavors Of a Syphilitic Missionary and his Death – Dawn of the Voodoo Ostinati
06.Renaissance Of Retribution
07.Wrath Of the Invisible Children
08.Article 246


Sito Web: https://www.facebook.com/OVGFS

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login