Energy of the Elements – Recensione: 03:30 Dehuman Rise

Gli Energy Of The Elements sono una delle più belle realtà del sottobosco underground italiano. Si dice un gran bene della band piemontese fin dai tempi del demo “Heavenly Force” del 2009, ma abbiamo dovuto attendere fino ad oggi per apprezzare il disco d’esordio “03:30 Dehuman Rise”. Il gruppo dei fratelli Balliano è cresciuto esponenzialmente e si è decisamente evoluto rispetto al power metal degli esordi, creando un sound potente e variegato, caratterizzato da ritmiche intense ed ampie porzioni strumentali finemente studiate. Difficile trovare un unico termine di paragone, perché nel corso del platter i nostri cambiano spesso registro ed atmosfera, passando dal classico symphonic metal, ad un ghotic elegante, fino a momenti prog ed accelerazioni estreme.

Probabilmente è merito anche della lista di ospiti (Flegias dei Necrodeath, Mattia Casabona degli Aspasia, tra gli altri) che gli Energy Of The Elements hanno chiamato a sé per conferire quel tocco in più alle parti vocali del disco e per delineare al meglio il concept lirico. L’opener “Episode” ci conduce nel mondo di “03:30 Dehuman Rise” e ne rappresenta il lato più power con un assolo di guitar & keys che mi ha ricordato i Dark Moor più tirati. Il guitar work ed il suono possente creato da Simone Mularoni nei suoi Domination Studio, ci consente di avvicinare i brani più variegati (“2012”) ai lavori dei Symhpony X e Vision Divine, mentre con “Gloria Anima Mundi” vengono addirittura chiamati in causa i Therion. Ma non abbiate timore, gli Energy Of The Elements possiedono una propria identità che marchia a fuoco tutte le song, valorizzate da arrangiamenti di tastiera variopinti e fondamentali per la resa sonora di “03:30 Dehuman Rise”.

Il disco che abbiamo tra le mani sembra tutt’altro che un esordio. Ci ha sbalordito l’abilità e l’esuberanza in fase di songwriting degli Energy Of The Elements, band già matura e pronta a compiere il grande salto. “03:30 Dehuman Rise” è un prodotto di alto livello, impreziosito ulteriormente da una copertina futuristica azzeccata ed una confezione digipak di qualità.

Promossi a pieni voti.

Voto recensore
8
Etichetta: Underground Symphony

Anno: 2015

Tracklist:

01. Episode
02. Facing The Oracle
03. The Message
04. Abyss Within
05. Never Fall Down
06. 2012
07. Follow Me
08. Gloria Anima Mundi
09. Hiding Behind Shadows
10. Say Goodbye
11. Rise Of The Sun


Sito Web: http://www.energyoftheelements.it/

5 Comments Unisciti alla conversazione →


  1. PerryMason

    Voto: 3.30

    Reply
  2. Alessio

    Cerchiamo di capire perchè il voto degli utenti è così basso. Ho ascoltato solo qualche pezzo, la produzione non sembra un granchè e da una triste sensazione di piattezza….

    Reply
  3. metallone

    cerchiamo di capire perchè il voto degli utenti è cosi basso?
    2.000 voti in 5 giorni, neanche fossero i Maiden! forse che appena c’è una band italiana che si distingue un po’ dalla media, tutti a massacrarla?
    La produzione non sembra granche? ma se fino a ieri tutto ciò che usciva da Mularoni era fenomenale. ah no giusto, per questi non vale.
    meditate gente, meditate…

    Reply
  4. Alessio

    metallone, non intendevo massacrare questa band. Anzi, volevo solo capire perchè abbia ricevuto dei voti così bassi rispetto al giudizio del recensore. Certo che se dopo 2.000 voti, la media è 5 qualche ragione ci dovrà pur essere……

    Reply
  5. metallone

    Alessio hai centrato il discorso e la mia era una provocazione. Quanti di questi voti negativi sono dati da un giudizio fatto sull ascolto di qualche brano (magari come il tuo) e quanti dal ‘clic compulsivo’ x abbassare il voto a proposito x falsare e ‘pilotare’ il parere degli utenti? Soprattutto quando molti cd anche di band piu famose arrivano si e no ai 100 voti degli utenti?

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login