Alfonzetti – Recensione: Ready

E’ strano pensare che rifrazioni di suoni&emozioni U.S.A. possano arrivare dalla fredda Svezia, eppure ‘Ready’ degli Alfonzetti sprigiona proprio quel feeling. L’iniziale senso di ‘smarrimento’ (ammesso che ci si possa sentire smarriti per una bella sorpresa) lascia presto spazio al piacere di assaporare un dose massiccia di rock adulto, melodico e prodotto con sobria maestria. Le prime battute di ‘Blowing Up Detroit’ sono sufficienti per inquadrare il valore del prodotto: la voce di Matti Alfonzetti evoca la memoria del Dan Huff di ‘Last Of The Runaways’, mentre le parti strumentali attraversano il territorio del miglior Richard Marx. Stesse coordinate, se possibile ancora più solari, per ‘Better Than Goodbye’, mentre ‘I’m Ready’ inizia a svelare il lato groove e R&B della band, con gli inserti di voci femminili a rendere torrido il clima. E’ il caso di dire che le controindicazioni latitano: I potenziali singoli da FM non mancano proprio, mentre la classe è tale da far suonare ‘freschi’ i classicissimi schemi dell’A.O.R. più agile e cristallino. Se poi si aggiunge qualche ruvida carezza blues (‘Blue Hero’, ad esempio), l’identikit è completo. Ora non resta che inserirlo nella lista dei ‘ricercati’ da parte dei cacciatori di A.O.R.

Voto recensore
7
Etichetta: MTM/Frontiers

Anno: 2000

Tracklist:

Tracklist: Blowing Up Detroit / Better Than Goodbye / I'm Ready / Angel / Blue Hero / Out In The Cold / No Way Out / Am I Fooling Myself? / Let Me In / Don't Let Our Love Go Down / In The Groove / Things That Make You Cry


0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login