Header Unit

Raintimes – Recensione: Raintimes

Nato dichiaratamente come tributo ai The Storm, autori di due album monumentali nella prima metà degli anni Novanta, Raintimes è il monicker del “nuovo” progetto di Pierpaolo “Zorro” Monti. Le virgolette ci sono perché tutto è nato, in realtà, durante le session del debutto degli Shining Line, in particolare con l’opener “Forever Gone”. Da lì si è sviluppato un intero album, in equilibrio tra AOR e pomp rock, imperniato sul grande talento compositivo di Monti, sulle tastiere del suo partner in crime Davide Barbieri (Wheels Of Fire, Charimng Grace) e sulla voce di Michael Shotton dei Von Groove – scelta, questa, particolarmente azzeccata.

A completare un tris d’apertura decisamente d’effetto, la cascata di note delle chitarre di Sven Larsson (Street Talk) e Ivan Gonzalez (19 Suite) accompagna la liquida “Make My Day” e un gusto deliziosamente pop impreziosisce la più sobria e diretta “Don’t Ever Give Up” (dove pure il titolo richiama uno dei tanti fantastici pezzi dei The Storm). Sempre all’insegna della leggerezza l’agile e sciolta “I Need Tonight”, che nella sua semplicità è uno dei pezzi più efficaci dell’album. Ineccepibile dal punto di vista della classe e del gusto melodico, l’album procede con ritmo tranquillo, facendo almeno altri due centri pieni con l’ariosa “Empty Days” e la solare “Together As Friends”.

Familiare eppure diverso dai precedenti progetti, collegato esplicitamente alla tradizione eppure personale nella sua reinterpretazione, “Raintimes” è la conferma di un talento e della capacità di declinarlo in diverse emozionanti sfumature.

Voto recensore
7,5
Etichetta: Frontiers Records

Anno: 2017

Tracklist: 01. Forever Gone 02. Make My Day 03. Don’t Ever Give Up 04. Swan 05. I Need Tonight 06. Raintimes 07. Just A Little Bit More 08. Empty Days 09. Together As Friends 10. Missing Piece 11. I See The Light
Sito Web: https://www.facebook.com/raintimesofficial/

giovanni.barbo

view all posts

Appassionato di cinema americano indipendente e narrativa americana postmoderna, tra un film dei fratelli Coen e un libro di D.F.Wallace ama perdersi nelle melodie zuccherose di AOR, pomp rock, WestCoast e dintorni. Con qualche gustosa divagazione.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login