Inner Shrine – Recensione: Pulsar

Quinto album per i toscani Inner Shrine, che con “Pulsar” inaugurano il contratto con Bakerteam Records attraverso un interessante concept sulla fine del mondo, il mutamento e l’evoluzione. Termini, questi ultimi, senza dubbio afferenti anche alla loro proposta musicale, che dagli esordi marcatamente symphonic-death (“Nocturnal Rhymes Entangled In Silence”, 1997) li ha gradualmente portati verso un sound nel quale coesistono retaggi classic heavy, doom-gothic e sinfonici.

Rispetto al recente passato (“Mediceo”, 2010) gli Inner Shrine appaiono ora più snelli e immediati, con particolare enfasi su tessiture melodiche dall’appeal moderno (per certi versi simili ai Samael di metà carriera), merito anche dei nuovi innesti in line-up, Francesco Betti alla seconda chitarra e David Cangi al basso, che affiancano i membri storici Luca Liotti, (chitarra, voce e synth) e Claudio Tovagli (batteria), formando un classico four-piece metallico dotato di tutti i numeri per traghettare nel futuro la ponderosa eredità stilistica del gruppo.

Si parte con “Black Universe”, efficace biglietto da visita per le cupe atmosfere liriche dell’album, perfettamente sintetizzate dalle armonie di “The Last Day On Earth”, tipiche del modus componendi del gruppo.

Abbandonato da tempo il growl degli esordi, la performance vocale di Liotti si concentra su tonalità piane, a volte quasi sussurrate, che ben si adattano all’incedere cadenzato che accomuna le otto tracce, fra le quali si segnala il groove moderno della title-track, l’attitudine progressiva di “Four Steps In Gray” e il tormentato, solitario commiato di “Between”.

Fatte le dovute proporzioni con la carriera pregressa e le attuali proposte delle scene, “Pulsar” risulta un lavoro assolutamente valido e convincente, che rinnova l’identità e la presenza degli Inner Shrine nel consesso delle migliori realtà metalliche della penisola.

Voto recensore
7
Etichetta: Bakerteam Records

Anno: 2013

Tracklist:

01. Black Universe

02. The Last Day On Earth

03. The Rose In Wind

04. Pulsar

05. Peace Denied

06. Four Steps In Gray

07. Immortal Force

08. Between


Sito Web: https://www.facebook.com/pages/Inner-Shrine/38943808685

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login