Power Paladin – Recensione: With The Magic Of Windfyre Steel

I Power Paladin da Reykjavík esordiscono con un concentrato di Power Metal (nomen omen) con tematiche fantasy che, pur non proponendo innovazioni, farà la gioia degli amanti del genere.

L’album parte subito forte con la potente “Kraven The Hunter”, che però ha la pecca evidente di copiare pedissequamente la parte centrale di “Sign Of The cross” degli Iron Maiden, ma non pensiamo male e, per l’impegno che ci mette il gruppo, consideriamolo un omaggio.

Continuiamo senza riprendere fiato con “Righteous Fury”, in cui stona un po’ il momento di voce non pulita, piazzato lì, in modo un po’ posticcio, in una canzone che in molti momenti ci ricorda i primi Rhapsody. Passiamo quindi a “Evermore”, che inizia come una ballad, ma fortunatamente si tramuta in una bella cavalcata da corna al cielo e headbanging.  

I Power Paladin glissano la sfida della ballad, croce e delizia degli album Power standard, furbescamente aggiungerei, perché troppo spesso è difficile proporre qualcosa che non sfoci nel ridicolo.

Way Of Kings” alza un muro sonoro dove il cantante Atli Guðlaugsson si inserisce abilmente senza indebolirlo e senza farsi sovrastare. Passiamo poi a “Dark Crystal”, che si distingue per molti cambi di timbro vocale ben bilanciati e, purtroppo, per una parte centrale di tastiera non all’altezza. In seguito si a “Ride The Distant Storm”, interessante ma decisamente troppo derivata dai Rhapsody. 

Arrivando all’ultimo terzo dell’album incontriamo “Creatures Of The Night”, un bell’omaggio alle sonorità metal anni ottanta, “Into The Forbidden Forest”, la cui lunghezza eccessiva fa perdere la verve epica, e la finale “There Can Be Only One”, che ho trovato un po’ “pasticciata”, con molte buone idee però mal amalgamate.

Malgrado alcune canzoni meno brillanti, il giudizio generale è positivo. La tecnica è indiscutibile, manca un’impronta personale che, a onor del vero, pochissimi gruppi Power recenti hanno, e che avrebbe permesso di fare un salto di qualità.

Etichetta: Atomic Fire Records

Anno: 2022

Tracklist: 01. Kraven The Hunter 02. Righteous Fury 03. Evermore 04. Dark Crystal 05. Way Of Kings 06. Ride The Distant Storm 07. Creatures Of The Night 08. Into The Forbidden Forest 09. There Can Be Only One
Sito Web: www.powerpaladin.is

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login