Tarchon Fist – Recensione: Play It Loud

Tenendo fede alla promessa per cui ogni anno c’è almeno una pubblicazione, i bolognesi Tarchon Fist inaugurano il nuovo anno con questo promo di due pezzi. L’occasione è molto importante perché, oltre ad essere i primi inediti dalla pubblicazione di “We Are The Legion”, questa è la prima volta che la band registra utilizzando il nuovo cantante. Senza nulla togliere al suo predecessore, l’ottimo Luigi Sangermano (che comunque pubblicherà a breve un album con un suo nuovo progetto), l’abruzzese Mirco Ramondo sta rispondendo con efficacia alle aspettative riposte in lui. Allenato al palco dalla militanza in diverse tribute band, dotato di una voce molto adatta per il metal classico proposto dai Tarchon Fist, è lui una delle marce in più della nuova era Tarchonica (termine coniato dai più accaniti fan e ormai diventato di uso comune). Il primo brano, ‘Play It Loud’, è un mid tempo che rimane subito nelle orecchie, sostenuto da numerosi arrangiamenti corali, da un buon assolo di chitarra e da un’alzata di tono finale che ben si adatta ai canoni del metal classico. Il promo è completato da ‘I Stole A Kiss To The Devil’, che è invece un brano più veloce, dal ritmo incalzante, in cui a sorpresa fa capolino anche un breve accenno all’ ‘Inno alla gioia’ dalla Nona sinfonia di Beethoven. Il 2011 è iniziato in modo veramente positivo per questa band; da loro ci si aspetta ancora una volta grandi cose.

Voto recensore
7
Etichetta: Autoprodotto

Anno: 2011

Tracklist:

01. Play It Loud
02. I Stole A Kiss To The Devil


Sito Web: www.tarchonfist.com

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login

My Graveyard Productions: Play It Loud!!! – Intervista

In crisi di vendite e di pubblico il metal italiano può vantare di aver trovato con la My Graveyard Productions uno zoccolo duro di appassionati che fanno capo a Giuliano Mazzardi (nella foto qui sopra lo vediamo con M. Shelton dei Manilla Road), proprietario della label che ormai, insieme a pochi altri esempi, sostiene il metallo underground made in Italy. La sua etichetta è volta a promuovere soprattutto il metal più classico e nel corso degli anni l’attività della label è diventata sempre più importante sino alla creazione dell’evento Play It Loud, festival per die hard fan del metal (una risposta decisamente convincente al Keep It True, festival tedesco) che raccoglie non solo fan italiani amanti dell’acciaio ma anche appassionati da tutto il mondo. Con tale evento Giuliano ha permesso a metallari di vecchia data e giovani sbarbatelli di vedere per la prima volta dal vivo un sacco di gruppi storici della scena, da Steel Assassin a Elixir, da Raven a Blitzkrieg. Ma lasciamo la parola direttamente al fautore di questa coraggiosa impresa…

Ciao Giuliano, iniziarei subito con una domanda scomoda: perchè iniziare un’attività come la tua in un momento in cui il mercato discografico è in crisi e si fatica a vendere qualsiasi titolo?

“La label è partita nel 2005… quindi in piena crisi discografica, dovuta ai problemi che tutti sappiamo (download,file sharing ecc…); è nata con l’intento di dare spazio alle band italiane sia nuove che storiche, troppo spesso affossate o relegate in un angolo dal music-biz. Ovviamente mi riferisco alla frangia di heavy metal classico… diciamo che il mio intento era di voler ricreare una scena un pò dimenticata ma di grande valore, cercando di creare interesse nelle nuove generazioni (oltre che a soddisfare chi la scena la segue da tempo). Sicuramente una mossa in salita sia perchè il momento era (ed è) critico sia perchè abbiamo pubblico molto esterofilo, ma vedo che alla lunga molti giovani si stanno appassionando ai gruppi nostrani , comprano i loro dischi e li seguono live… diciamo che mancava una certà visibilità. Se a una band non è concesso far dischi e suonare dal vivo è dura che possa riscuotere interesse da parte di qualcuno!”

A partire dagli esordi della tua attività sino ad oggi quali ritieni siano state le uscite che ti han dato più soddisfazione?

“A livello commerciale direi le big bands… Strana Officina, Skanners, Crying Steel, Dark Quarterer e Manilla Road… ma pure i giovani si difendono bene.. .Assedium, Alltheniko…ecc.. A livello personale sono soddisfatto di tutti.”

Eheheh, una risposta molto diplomatica… allora sarò cattivo… ci sono dei CD che non produrresti più o che smonteresti del tutto?

“ahahhhaahh… domanda di riserva? Che non rifarei no, in quanto come detto prima sono soddisfatto… magari avrei preferito suoni migliori per un paio…”

Che sono?

“Bloody Herald; ottime idee, buon disco, molto particolare ma penalizzato da produzione non all’altezza; aggiungerei anche Powerful, che ha grande produzione ma una prestazione non ottima del singer.”

Ok; a proposito di vendite, spesso si sentono gruppi che snocciolano cifre a caso, che molte volte sembra un poco gonfiate; ci puoi fare qualche esempio di vendite di tue produzioni e dirci qual è ad oggi il tuo top seller?

“Per una label come la nostra si va dalle mille alle duemila copie… Manilla Road su tutti al momento con quasi 3.000 copie.”

Vuoi presentarci adesso le prossime uscite della tua label?

“allora, tra novembre e marzo escono: ABUSER – ‘Threaths Of Fate’; si tratta dell’esordio per i milanesi Abuser, thrash tecnico tra Whiplash , Testament e Vendetta

NATIONAL SUICIDE – ‘The Old Family Is Still Alive’. Questi ragazzi di Trento suonano un thrash Metal old school con influenze heavy metal.

SABOTAGE – ‘Hoka Hey’ Rimasterizzatocon bonus tracks, la prima volta in CD! Puro Heavy Metal!

SABOTAGE – ‘Behind The Lines’ Completamente ri-registrato con bonus tracks, anche per questo album della storia band Toscana è la prima volta in CD!

TARAMIS – ‘Queen Of Thieves’ Prima volta in CD anche il debutto degli australiani TARAMIS; il CD esce rimasterizzatoe e con bonus tracks! Si tratta di una band di Epic Metal che vanta molti fan; il discom era uscito alla fine degli anni ’80.

TARAMIS – Stretch Of imagination’ Rimasterizzato, bonus tracks!

BUD TRIBE – ‘Roll The Bones’ Nuovo killer album per la band del Bud nazionale! HYBORIAN STEEL – ‘An Age Undreamt Of…’ Epic Metal totalmente anni ’80! Questo CD è per fans di Manilla Road,Omen e Robert E.Howard!

REVOLTONS – ‘Underwater Bells’ Terzo album, eccellente heavy metal con influenze thrash.

SCREAMING SHADOWS – ‘New Era Of Shadows’ Heavy Metal di classe!

Seguiranno più avanti il nuovo dei veronesi SPITFIRE, i BATTLE RAM e qualche ristampa in via di definizione… vi terremo aggiornati!”

Quest’anno è stata una grande sorpresa vedere come sei riuscito ad inserire nella tua scuderia i mitici Manilla Road, gruppo cardine del movimento epic metal. In futuro ci saranno altre sorprese di questo tipo?

“Direi di si; le ristampe degli austrialiani Taramis sono ambite da tanti fan.. il primo non è mai uscito in CD ed il secondo è ormai rarità. Inoltre ristamperemo anche per i cult heroes americani Ruthless il primo mini arricchito di bonus e probabile il nuovo album.. ed altro è in cantiere ma al momento non posso dire nulla di più…”

Ottimo allora! Vedo che di novità ne hai davvero tante. Adesso vorrei introdurre un altro argomento. In questi ultimi due anni hai creato con il Play It Loud il festival italiano del "vero metal", della tradizione; insomma possiamo definire il festival che hai creato un’ottima risposta al Keep It True tedesco. Come hai creato quest’evento e quali sono stati fino ad ora responsi e risultati?

“Il Play It Loud è nato anche qui per poter vedere on stage alcune bands che nonostante abbiano una carriera storica importante non si sono mai esibite in Italia… affiancate ovviamente da band italiane. In due anni abbiam portato in Italia band quali Raven, Manilla Road, HelsTAR e per la prima volta sui nostri palchi alcuni alfieri della NWOBHM quali Blitzkrieg, Cloven Hoof, Elixir… senza tralasciare gli americani Steel Assassin o i tedeschi Paragon. Una bella soddisfazione personale… la gente stà apprezzando molto e già dalla prima edizione c’erano fan e stampa dall’estero!

Questo è un festival per cultori… lontano dal commerciale..

Tu ci sei stato..hai sentito l’atmosfera che c’è la dentro?

E’ veramente meraviglioso vedere i fan felici…

Altro vanto del festival è l’esibizione delle nostre band… la prima edizione Skanners, Crying Steel e Dark Quarterer suonarono insieme!

Nella seconda ci sono state band del calibro di Adramelch e Sabotage, tutti gruppi che non trovano mai spazio nei nostri festival in Italia e tu sai bene il perché!”

Direi senza timore di sbagliare che grazie a te sta rinascendo la scena storica italiana. Ti senti addosso questo merito e allo stesso tempo questa responsabilità?

“Mah..sicuramente ho cercato di ricreare una scena come dicevo prima… più che merito direi responsabilità! Anche a livello live le cose si muovono un pochino. Molte band della label han date per l’Italia e alcune anche all’estero. La gente ha recepito il valore di questi gruppi.”

OK, a questo punto dimmi tutto su PIL 2009, gruppi, location, prezzi, insomma tutto ciò che puoi dirmi

“Siamo arrivati nel 2009 alla terza edizione. Sabato 28 Febbraio @ Kememeo – Via dell’Industria 24 – Argelato – BOLOGNA

JAG PANZER – Metal masters dagli USA!

EXCITER – Speed Metal dal Canada!

BUD TRIBE – Heavy Metal dall’Italia

JAGUAR – NWOBHM dall’Inghilterra – PRIMO SHOW IN ITALIA!

VANEXA – NWOBHM dall’Italia – Reunion con ROB TYRANT! Primo show!

MARTIRIA – Heavy/Epic Metal dall’Italia – SHOW ESCLUSIVO CON RICK ANDERSON (ex WARLORD) ON VOCALS!!!!

ETRUSGRAVE – Epic Metal dall’Italia – FULBERTO SERENA (EX DARK QUARTERER) è tornato con la sua nuova band!

HOLY MARTYR – Epic Metal dall’Italia

LONEWOLF – Heavy Metal dalla Francia! – PRIMO SHOW IN ITALIA!

WOTAN – Epic Metal dall’Italia

NATIONAL SUICIDE – Old school thrash dall Italia

FALLEN FUCKING ANGELS – Speed metal dall Italia

APERTURA CANCELLI : 12,30

INIZIO SPETTACOLI : 14,00 COSTO BIGLIETTO: 25,00 EURO

PREVENDITA APERTA A: festival@mygraveyardproductions.com

anche per il 2009 il PIL si annuncia come un appuntamento imperdibile per ogni amante del metallo tradizionale. Nelle prime edizioni hai permesso a noi italiani di vedere dal vivo un sacco di band che mai ci saremmo sognati di gustare nel nostro paese, da Steel Assassin a Cloven Hoof. Ma tu ti impegni moltissimo anche in ambito live per le band del tuo rooster. Dove è possibile trovare informazioni sui prossimi concerti mesi, PIL escluso, nonché sulle uscite della My Graveyard Productions?

"Consiglio di visitare il myspace sempre aggiornato per le date e le uscite: http://www.myspace.com/mygraveyardproductions

Oppure il sito: http://www.mygraveyardproductions.com

Siamo in conclusione, desideri aggiungere qualcosa per chiudere questa intervista?

“Desidero solo ringraziare tutti i ragazzi che supportano il nostro lavoro acquistando CD e partecipando ai concerti e ovviamente te!”

leonardo.cammi

view all posts

Bibliotecario appassionato a tutto il metal (e molto altro) con particolare attenzione per l’epic, il classic, il power, il folk, l’hard rock, l’AOR il black sinfonico e tutto il christian metal. Formato come storico medievalista adora la saggistica storica, i classici e la letteratura fantasy. In Metallus dal 2001.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login