Jeff Loomis – Recensione: Plains Of Oblivion

Notizia non confermata o comunque fumosa: i Nevermore sono praticamente sciolti essendo rimasti nella band i soli Warrel Dane e Jim Sheppard! Notizia invece ufficiale Jeff Loomis li aveva lasciati, oltre che per le classiche divergenze musicali, per dedicarsi a questo “Plains Of Oblivion” album non interamente strumentale ma che anzi si segnala per la presenza di alcuni ospiti di rilevo.

Non manca l’attitudine thrash ammantata di virtuosismi chitarristi già dall’iniziale “Mercurial” dove, affiancato da un certo Marty Friedman (sicuramente una delle influenze principali dell’autore), Loomis si riconferma uno dei chitarristi migliori del panorama metal odierno, forse troppo spesso sbilanciato sullo shredding più intransigente (i duelli di “The Ultimatum” con Tony MacAlpine ne sono l’esempio estremo).

Dirk Verbeuren (Soilwork e Scarve tra gli altri) alla batteria dona al songbook una spina dorsale precisa e martellante ma ciò non toglie che preferivamo di gran lunga il “gioco” del biondo axeman inserito nel contesto di una band dove i suoi fraseggi venivano esaltati al meglio proprio perché sbocciavano all’interno di composizioni più ricercate; ed infatti “Tragedy And Harmony” e “Chosen Time” con alla voce Christine Rhoades (la voce femminile presente su “Dreaming Neon Black” tanto per gradire) sono decisamente più intriganti (segnaliamo inoltre che nella limited edition europea ci sono altre due tracce cantate proprio da questa cantante). “Requiem For The Living” riporta alla mente i mitici Cacophony e certo metal “esasperato” che fu mentre l’ospite Ihsahn ritrova l’aggressività ormai persa nei suoi lavori solisti (peraltro splendidi); la parte solista più ispirata la troviamo invece nella finale “Sibylline Origin” che chiude più che dignitosamente un buon lavoro destinato perlopiù ai maniaci del chitarrismo metal più tecnico.

Voto recensore
7
Etichetta: Century Media/EMI

Anno: 2012

Tracklist:

01. Mercurial (feat. Marty Friedman)

02. The Ultimatum (feat. Tony MacAlpine)

03. Escape Velocity

04. Tragedy And Harmony (feat. Christine Rhoades)

05. Requiem For The Living (feat. Attila Vörös)

06. Continuum Drift (feat. Chris Poland)

07. Surrender (feat. Ihsahn)

08. Chosen Time (feat. Christine Rhoades)

09. Rapture

10. Sibylline Origin


Sito Web: http://www.facebook.com/jeffloomisfans

3 Comments Unisciti alla conversazione →


  1. luci di ferro

    mannaggia ad Alberto sempre con dei voti basini e pure ti voglio bene assai, comunque è sempre un piacere leggere le tue recensioni ” le reputo intelligenti e curate” 😀

    Reply
    • Alberto Capettini

      Ciao, in realtà è sempre stata una scelta personale quella di non eccedere nei toni e di conseguenza nei voti (a meno che l’album non sia meritevole di lodi da parte del sottoscritto)

      Reply (in reply to luci di ferro)
      • luci di ferro

        il tuo commento lo rispetto al 100% 😉 ed è giusto che sia cosi, comunque ti rinnovo i miei complimenti nel saper scrivere le recensioni le trovo intelligenti, che affronta l’argomento trattato(Plains Of Oblivion-Jeff Loomis) in modo esauriente e completo. Hai una bella scrittura anche a riguardo di altre recensioni 😀

        Reply (in reply to Alberto Capettini)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login