Simone Fiorletta – Recensione: Personalities

Torniamo a parlare di Simone Fiorletta, valente chitarrista di casa nostra, arrivato al suo quarto album da solista per un percorso artistico che iniziato nel 2005 con “Parallel Worlds”. Una copertina dalle tonalità tenui e con un tema novembrino ci introduce in un lavoro che non fa che confermare quanto avevamo già avuto modo di vedere negli altri lavori.

Il principale punto in comune con la produzione precedente è soprattutto la grande versatilità che Fiorletta dimostra di avere in sede di esecuzione e di composizione. Nessun brano è uguale agli altri, anche se bisogna dire che “Personalities”, più dei suoi predecessori, sembra avere un’impronta più heavy, tanto che bisogna attendere la delicata “April 14th 2010” per trovare una ballad vera e propria, e l’unico altro esempio è la conclusione dell’album, l’acustica “You And I”. Non ci sono veri e propri “esperimenti sonori”, ogni brano ha una struttura ben definita e riconducibile talvolta all’heavy metal, talvolta al funky, ed è soprattutto “Thirty” a trarre vantaggio da questa versatilità, per la sua struttura densa di influenze ed espressività; colpisce in positivo anche “To The Station”, una sorta di blues ammodernato dai risvolti quasi allegri. Un altro punto in comune con gli album precedenti è la presenza di diversi ospiti di rilievo, quasi sempre diversi da un album all’altro, in modo da non fossilizzarsi mai sulle stesse situazioni; in questo caso sono da evidenziare gli ospiti dietro la batteria, ovvero John Macaluso e Mario Riso, mentre alle tastiere ritroviamo Andrea De Paoli dei Labyrinth, che già in precedenza aveva collaborato con  Fiorletta. Pur essendo lo strumento principale, la chitarra non domina sugli altri, ma piuttosto diventa una base su cui intrecciare la struttura portante dei brani, e solo in certe situazioni esplode in un assolo più ricco e caratteristico.

Simone Fiorletta ha saputo costruire con serietà e professionalità la propria immagine musicale, rendendosi sempre più, album dopo album, un artista consapevole e maturo, che sa distinguersi e sa rimettersi  in gioco in ogni situazione, non essendo mai uguale a se stesso.

Voto recensore
7,5
Etichetta: Lion Music

Anno: 2013

Tracklist:

01. Ascent
02. Your Grit Is My Reason Of Life
03. Waiting To See You Again
04. April 14th 2010
05. Bottom Line
06. Thirty
07. Unconditional Love
08. Doctor Jekyll And Mister Hyde
09. To The Station
10. In Time Of War
11. You And I (At The Weekends cover)


Sito Web: https://www.facebook.com/fiorlettasimone

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login