Pelander – Recensione: Time

Il 2016 è un anno particolarmente ricco di ispirazione per Magnus Pelander visto che a gennaio è uscito il nuovo album “Nucleus” per i suoi Witchcraft ora seguito dall’esordio solista intitolato “Time”. Quest’opera arriva sei anni dopo l’EP “A Sinner’s Child” , opera di quattro pezzi; di fatto il nuovo lavoro continua sulla stessa impronta musicale della precedente release, ossia un rock intimista ed acustico che non ha nulla a che vedere né con il metal né con il doom della sua band principale. Potremmo dire che “Time” si pone a metà strada fra Bob Dylan (fresco di Nobel) e Neil Young ma con un tocco decisamente più depressivo.

La tradizione a cui l’artista svedese si rifà è quindi quella folk degli anni ’70 che propone profonde riflessioni accompagnate dal suono suadente della chitarra acustica ed in un caso, l’ammaliante “The Irony Of Man”, accompagnato da una voce femminile.

Un pezzo come “True Colour”, arricchito solo dall’ingresso di un bongo, è chiaramente perfetto da ascoltare al buio nella propria stanza in modo da poter assaporare fino in fondo le emozioni che l’artista vuol trasmettere con la sua voce sofferente e le note della sua chitarra.

Al contrario “Precious Swan” si propone, con i suoi quasi dieci minuti di durata, come un guazzabuglio psichedelico alimentato dalla chitarra plumbea di Pelander e da un cantato strascicato e profondo.

Abbiamo poi l’opener “Umbrella” che invece ricorda a tratti il tipico gusto Jethro Tull, non solo per il flauto ma anche per l’approccio con cui viene suonata la sei corde.

Nel complesso l’utilizzo di un numero maggiore di varianti (sia a livello di percussioni che di tastiere che di voci) avrebbe reso appetibili questi pezzi per un numero maggiore di ascoltatori; proposto in questo modo “Time” è decisamente un album per pochi e dal tono chiaramente molto personale.

Pelander Time Cover Album

Voto recensore
S.V.
Etichetta: Nuclear Blast

Anno: 2016

Tracklist: 01. Umbrella 02. Family Song 03. The Irony Of Man 04. True Colour 05. Precious Swan 06. Time 07. Rebecka (Bonus Track)
Sito Web: https://www.facebook.com/magnus.pelander?fref=ts

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login