Paradise Lost – Recensione: At The Mill

Uscita particolare questo “At The Mill” dato alle stampe dai Paradise Lost. Ufficialmente ci troviamo infatti al cospetto di un live, ma un live molto sui generis. L’album è infatti la registrazione di una performance trasmessa in streaming lo scorso novembre da “The Mill”, sala prove del gruppo con sede a Bradford, nello Yorkshire. Un’esibizione semplice e senza alcun addobbo scenografico, che ben si adatta alla proposta da sempre intima e malinconica dei nostri.

Questo primo nuovo lavoro dopo il bellissimo “Obsidian” è tra l’altro originale non solo nella forma, ma anche nel contenuto. La setlist proposta, pur non rappresentando il miglior compendio possibile della storia della band ed essendo limitata a un minutaggio inferiore all’ora e un quarto, spazia molto all’interno della sua carriera. Tra i classiconi degli anni ’90 “Widow”, “Gothic”, “Shadowkings”, “One Second” ed “Embers Fire” e il recente revival melodic death di “No Hope In Sight” e “Beneath Broken Earth”, trova posto anche “So Much Is Lost”, estratto dallo sperimentale e controverso “Host”.

Ottimi i brani selezionati da già citato “Obsidian”, con le magistrali interpretazioni della drammatica “Fall From Grace” e della magnifica “Darker Thoughts” (quest’ultima efficacissima nella sua collocazione in chiusura) sugli scudi. Poco da dire sull’interpretazione del gruppo, che in questo contesto così cupo, asettico e raccolto trova probabilmente la sua dimensione ideale.

At The Mill” non possiede certo la completezza o l’iconicità di altre uscite live dei Paradise Lost, come ad esempio il recentemente recuperato “Live At Rockpalast 1995”, testimonianza impeccabile del periodo aureo di “Draconian Times”. La sua peculiarità lo rende però un disco davvero speciale, che ben si incastra nel percorso della band. Un cammino unico, in cui anche release fuori dagli schemi come questa trovano il giusto significato e risalto.

Etichetta: Nuclear Blast Records

Anno: 2021

Tracklist: 01. Widow 02. Fall From Grace 03. Blood And Chaos 04. Faith Divides Us – Death Unites Us 05. Gothic 06. Shadowkings 07. One Second 08. Ghosts 09. The Enemy 10. As I Die 11. Requiem 12. No Hope In Sight 13. Embers Fire 14. Beneath Broken Earth 15. So Much Is Lost 16. Darker Thoughts
Sito Web: https://www.paradiselost.co.uk/band/

matteo.roversi

view all posts

Nerd e metallaro, mi piace la buona musica a 360 gradi e sono un giramondo per concerti (ma non solo per questi). Oltre al metal, le mie passioni sono il cinema e la letteratura fantasy e horror, i fumetti e i giochi di ruolo. Lavorerei anche nel marketing… ma questa è un’altra storia!

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login