Hour Of Penance – Recensione: Pageantry For Martyrs

Bisogna spiegarlo al resto del mondo: l’Italia non è solo la patria dei gruppi speed-sinfonici come Rhapsody e Vision Divine. Il metal estremo, spesso e volentieri nella sua variante più tecnica e fantasiosa, costituisce una tradizione ed una realtà musicale fortissima. La prova di questo teorema sono i romani Hour Of Penance che dopo il buon debutto di ‘Disturbance’ riaffondano il colpo, ancora con maggior ferocia e determinazione, con le 10 spietate e violentemente funamboliche tracce di ‘Pageantry For Martyrs’. Muovendosi sulla base del death metal aggressivo e tecnicamente esaltante dei Morbid Angel, Deicide, Immolation, unito ad una certa frenesia ritmica di Cryptopsy e Gorguths (quelli canadesi), i quattro capitolini mostrano una notevole freschezza compositiva con brani feroci, compressi ed intricati nelle ritmiche, quali ‘Shreds Of Martyr’ oppure ‘Celebrating Collective Terror’, dove spiccano anche gli assoli di Enrico e Giulio (che suonano anche le parti di basso in quest’album, in assenza di un bassista fisso), tecnici ed estremamente pregevoli, proprio nel pieno stile Morbid Angel. La tensione dura per tutto l’album, grazie anche alla bella produzione dei 16th Cellar Studios, e raggiunge il suo climax in brani come ‘Far Beyond Humiliation’ e ‘Exiled Innocence’ dove il terremotante ed inquieto drumming di Mauro è il motore di questo carroarmato ad alta velocità, dove il blast-beat regna sovrano ma, allo stesso tempo, sa prodursi in cambi di tempo ed impreziosimenti tipici di batteristi come Sandoval e Mournier (Cryptopsy). A dare le notizie su incubi, deliri e dolore, la brutale e cavernosa voce di Alex, ligia agli stilemi brutal death ma mai noiosa o fuori posto; al contrario, Alex dimostra capacità ed energia nel trasmettere la cupa furia assassina di pezzi come ‘Naked Knife Absolution’. Album da avere e non solo da parte dei die-hard fan del brutal death, ma di un po’ tutti i metaller amanti dell’estremo, per l’alta qualità di questa release. Davvero bravi.

Voto recensore
7
Etichetta: Xtreem Music

Anno: 2005

Tracklist: 01. Towards Our Storm
02. Shreds Of Martyr
03. End Of Relief
04. Celebrating Collective Terror
05. Far Beyond Humiliation
06. Life In A Pain Amplifier
07. Exiled Innocence
08. Naked Knife Absolution
09. Deranged Parasites
10. Egomanisch

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login