Otep – Recensione: Generation Doom

La carismatica Otep Shamaya, vocalist del gruppo che mutua il suo nome, arriva al traguardo del settimo album, pubblicato su Napalm Records, che corrisponde al titolo di “Generation Doom”.

Un Nu Metal con tutte le carattteristiche del genere, nel bene e nel male, con un retroterra culturale ed espressivo che si fa ben vivo nelle liriche ad opera della poetessa-cantante-attivista che da dietro il microfono usa in modo variegato la propria voce: la violenta Zeroapre le danze fra slogan a base di four-letter-words e caos controllato per far muovere le teste a ritmo della musica ed è seguita da “Feeding Frenzy”, in cui il rappato della strofa contrasta coi registri usati nel ritornello così come la successiva Lords Of War.

La cover dei Lorde, “Royals”, risulta essere un po’ troppo fuori fuoco rispetto allo standard sonoro degli Otep e non si può di certo annoverare fra gli episodi più risuciti del nuovo platter: purtroppo la stessa cosa si può dire dei pezzi che prendono una deriva un po’ troppo moderna, fra effetti e melodia, ovvero In Cold Blood, “Lie” e “On The Shore”, con la voglia di rinnovare un sound che non ha bisogno di trattamenti estetici particolari per gli affezionati. La doppietta costituita dalla coinvolgente “Down” e dalla violenta “God Is A Gun”, con la sua batteria che spara ad altezza uomo, costituisce invece uno dei punti di forza di questo “Generation Doom”: le basi elettroniche presenti in “Equal Rights, Equal Lefts” , “No Color” (forse il pezzo più riuscito) e la furiosa title-track dimostrano ancora di più che gli Otep calano le carte migliori quando si trovano in situazioni che coinvolgono la violenza a tutto tondo, fondamentale veicolo per un verbo che non è accessorio ma parte integrante della proposta musicale.

Un ritorno fra luci (molte) ed ombre (poche e, comunque, trascurabili per i non-intransigenti) che, se da una parte conferma le capacità compositive della band, dall’altra poteva raggiungere livelli ancora più alti nel caso ci si fosse avventurati in territori più adatti in qualche episodio, ovvero dando fondo alla pesantezza, alla proposta ideologica e sonora di Miss Shamaya e compagni.

Otep -  Generation Doom

Voto recensore
7
Etichetta: Napalm Records

Anno: 2016

Tracklist: 01. Zero 02. Feeding Frenzy 03. Lords Of War 04. Royals 05. In Cold Blood 06. Down 07. God Is A Gun 08. Equal Rights, Equal Lefts 09. No Color 10. Lie 11. Generation Doom 12. On The Shore
Sito Web: https://www.facebook.com/otepofficial

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login