Vomitory – Recensione: Opus Mortis VIII

I Vomitory sono una death metal machine ben calibrata ed efficace. A parlare per loro è dopotutto una carriera ormai avviata anni addietro che ha sempre portato ad uscite discografiche di buon livello. Sequenza positiva a cui non è difficile ascrivere anche questo nuovo “Opus Mortis VIII”.

L’album si muove infatti su coordinate di genere che non hanno certamente nulla di nuovo da aggiungere a quanto detto in passato, ma non c’è discussione che la potenzialità mietitrice del sound prodotto dai Vomitory sia di prima scelta. Basta ascoltare due bordate come “Regorge In The Morgue” e “Bloodstained” per capire cosa si intende: muro di chitarre invalicabile, ritmica spaccaossa e voce brutale. Quello che si dice una resa sonora da manuale.

A far poi pendere la bilancia definitivamente in campo positivo ci pensano “They Will Burn” e “Dead Awaken”: tempi medio ultra-heavy, percorsi da incessante groove ritmico e partenze a razzo di scarna brutalità che testimoniano come ormai i Vomitory siano perfettamente in grado di manipolare i dettami del genere a loro piacimento. Sensazione confermata dalla più melodica e altrettanto ben giostrata “Hate In Time Of War” e da un susseguirsi di brani in scaletta senza veri cedimenti.

Tutto senza troppo sforzo creativo, ne siamo tutti coscienti. Ma altrettanto immancabilmente dietro a tanta prevedibilità si intravede un lavoro di perfezionamento incessante che di base pone i Vomitory un gradino sopra la maggiora parte delle band che fanno la stessa cosa. Stay brutal!

Voto recensore
7
Etichetta: Metal Blade

Anno: 2011

Tracklist:

01. Regorge in the Morgue 02:32
02. Bloodstained 03:03
03. They Will Burn 04:03
04. The Dead Awaken 05:03
05. Hate in a Time of War 04:06
06. Torturous Ingenious 03:31
07. Forever Damned 03:32
08. Shrouded in Darkness 03:36
09. Combat Psychosis 03:41
10. Requiem for the Fallen 03:17


Sito Web: http://www.myspace.com/vomitoryswe

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login