Recensione: Of Shadows...And The Dark Things You Fear

Voto
recensore

6

Voto
utenti

-

Recensione: Of Shadows…And The Dark Things You Fear

Cryptic Wintermoon

Track Listing

01.The Dark Things You Fear
02.Thrashomatic Overdrive
03.Portals Of Nightfall
04.Bonegrinder 1916
05.Synthetic God
06.Where The Oceans Meet Eternity
07.Grave Without A Name
08.Once…In The Windblasted North
09.W.A.R. (Without Any Regret)
10.Heavy Armed Assault
11.Open Fire
12.Grim Frost

Vota questo album:

Immaginate un improbabile quanto originale incontro tra i Children Of Bodom e i Manowar ed ecco a voi quanto proposto dai Cryptic Wintermoon nel nuovo album ‘Of Shadows…And The Dark Things You Fear’.

Il sestetto nordeuropeo si cimenta infatti in un death/power melodico arricchito da tastiere ariose ora interessato da accelerazioni ed orpelli sinfonici simili a quanto fatto dai bambini finlandesi (in particolare nelle prime due release), ora concentrato su dei brani epici e cadenzati, in cui i riff spessi e di immediata assimilazione portano subito alla mente i quattro guerrieri di New York.

Un amore, quello provato verso i Manowar, che purtroppo dirige i nostri giovani amici verso una clamorosa “toppata” a titolo ‘Where The Oceans Meet Eternity’, un brano che di per sé sarebbe anche ottimo, peccato che ci potrete canticchiare sopra e in tutta tranquillità, ‘Battle Hymn’. I riff portanti sono pressoché identici.

Uno scivolone che non può passare inosservato e che ci porta a ridimensionare un giudizio che altrimenti sarebbe stato più entusiasta. Già, perché in fondo i Cryptic Wintermoon ci sanno fare, e lo dimostrano soprattutto negli episodi più squisitamente epici: ‘Portal Of Nightfall’, ‘Bonegrinder 1916′ (interessata anche da alcune piacevoli soluzioni elettroniche) e ancora ‘Heavy Armed Assault’, arricchita da alcuni ricami dal sapore folk.

Una band senza dubbio interessante e dalle buone potenzialità, speriamo solo che in futuro si limitino a prendere spunto e non palesemente “in prestito” quanto composto dalle loro fonti di ispirazione.

Altro...

Lascia un commento

Login with Facebook:
Login