O.R.k – Recensione: Ramagehead

Da qualche anno si aggira nei meandri del rock colto e un po’ criptico, un’entità nota col nome di O.R.k che giunge con “Ramagehead” già alla terza realizzazione accompagnata da un’enigmatica copertina opera di Adam Jones dei Tool.

Gli O.R.k sono quello che generalmente si può definire un supergruppo anche se il profilo mantenuto da questi “mostri” del proprio strumento è sempre basso e minimalista; i signori in questione sono LEF (all’anagrafe Lorenzo Esposito Fornasari) cantante, produttore e autore di colonne sonore che ricordiamo soprattutto per la militanza nei Transgender, Pat Mastelotto (King Crimson e svariate altre collaborazioni), Colin Edwin (Porcupine Tree ma non solo) e Carmelo Pipitone (Marta Sui Tubi).

Il nuovo “Ramagehead” è stato composto in buona parte on the road (durante la promozione del precedente “Soul Of An Octopus”) e rappresenta ancor più che nei passati lavori l’essenza dell’O.R.k sound: arrangiamenti sinistri di sintetizzatori, riff pesanti ed oscuri, vocals aggressive ma anche estremamente melodiche e le partiture percussive sempre inusuali di Mastelotto.

“Kneel To Nothing” parte subito con una rabbiosa interpretazione di LEF su una base di sintetizzatori acidi che risucchiano la chitarra di Pipitone; quest’ultima torna al contrario protagonista in “Signals Erased” con alcuni lick quasi industrial e un’interpretazione vocale che riesuma l’immortale Chris Cornell (anche sulle leggere dissonanze di “Beyond Sight”)

“Black Blooms” vede la partecipazione del redivivo Serj Tankian mentre in “Down The Road” si respira un afflato quasi new wave in alcune porzioni; chiudono gli intensi archi di “Some Other Rainbow Part 2” lasciandosi con l’interesse di quello che potremmo scoprire ascolto dopo ascolto.

E’ in corso proprio in questi giorni il tour italiano/europeo… non perdeteveli!!!

Voto recensore
7,5
Etichetta: Kscope

Anno: 2019

Tracklist: 01. Kneel To Nothing 02. Signals Erased 03. Beyond Sight 04. Black Blooms 05. Time Corroded 06. Down The Road 07. Some Other Rainbow Part 1 08. Strangled Words 09. Some Other Rainbow Part 2
Sito Web: http://www.orkband.com/

alberto.capettini

view all posts

Fan di rock pesante non esattamente di primo pelo, segue la scena sotto mentite spoglie (in realtà è un supereroe del sales department) dal lontano 1987; la quotidianità familiare e l’enogastronomia lo distraggono dalla sua dedizione quasi maniacale alla materia metal (dall’AOR al death). È uno dei “vecchi zii” della redazione ma l’entusiasmo rimane assolutamente immutato.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login