Header Unit

Nova Collective – Recensione: The Further Side

Quella che inizialmente era solo un’amicizia telematica tra Richard Henshall degli Haken e Dan Briggs dei Between The Buried And Me si è presto trasformata in una vera e propria sessione compositiva che ormai necessitava di altri musicisti per essere portata alla luce; prog fusion strumentale, questa è l’indicazione di genere che forse più si avvicina a quanto ci propongono i Nova Collective, side project di Henshall e Briggs appunto a cui si sono uniti membri di Cynic e Trioscapes.

Le aperture di tastiera ad opera di un Pete Jones (ex-Haken) a tratti incontenibile, in “Dancing Machines” stemperano, a tratti, le intricate evoluzioni ritmiche della band con rimandi alle porzioni strumentali dei pezzi degli stessi Haken o, andando all’origine, dei Dream Theater.

“Cascades” è più soft inizialmente, giocando su dinamiche che crescono d’intensità con un Matt Lynch assatanato alla batteria; non a caso il nostro è stato scelto da Paul Masvidal come sostituto del suo amico/nemico Sean Reinert nei Cynic.

Pur nell’estrema ricchezza di contenuti la formula contenuta in “The Further Side” (album registrato con Jamie King e mixato da Rich Mouser) tende a ripetersi traccia dopo traccia; chiaramente come in “Air” si è distratti dal lato armonico e tecnico delle composizioni ma non si può non notare una certa uniformità delle idee di base.

Questo quartetto ha chiaramente riportato in sei tracce, quanto piace loro suonare, senza velleità di vendita ma per il semplice piacere di diffondere musica senza schemi prefissati a cui attenersi; tutti gli amanti della tecnica strumentale e chi ascolta regolarmente electric jazz potrnno godere di un dischetto niente male mentre chi cerca la classica forma canzone rock può anche guardare altrove.

Voto recensore
7
Etichetta: Metal Blade Records

Anno: 2017

Tracklist: 01. Dancing Machines 02. Cascades 03. Air 04. State Of Flux 05. Ripped Apart And Reassembled 06. The Further Side
Sito Web: https://www.facebook.com/novacollectivefusion

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login