Kaipa – Recensione: Notes From The Past

Dopo quasi vent’anni torniamo a sentire parlare dei Kaipa, prima storica formazione dell Flower King Roine Stolt. Nonostante il tempo passato le proposta musicale non si discosta molto dalle aspettative: rock progressivo sostanzialmente di stampo classico, ricco di feeling e melodia, sviluppato lungo gli oltre settanta minuti di durata con la tipica alternanza di suite e songs più brevi dal sapore vagamente bucolico. Aiutati da un manciata di musicisti di riferimento per la scena progressiva svedese, Roine e Hans Lundin (storico compagno dei tempi che furono) danno così alla luce questa nuova opera senza puntare sull’effetto sorpresa, riuscendo però a risultare credibili in un momento in cui si sente il bisogno in primo luogo di buone ‘canzoni’. Qualità che non manca a ‘Notes From The Past’. Nessuna autocelebrazione ultratecnica quindi, solo uno spiccato gusto per le ardite architetture musicali del rock sognante e sregolato dei primi ’70. Capacità che si concretizzano in un caleidoscopio di emozioni avvolgenti, mai stridenti o forzate, che risultano rassicuranti come una gita familiare fuori porta, ma allo stesso tempo non mancano della profondità necessaria a non stancare dopo pochi passaggi. Da tenere in considerazione.

Voto recensore
7
Etichetta: Inside Out / Audioglobe

Anno: 2002

Tracklist: Notes From The Past - Part I
Night-bike-ride (On Lilac Street)
Mirrors Of Yesterday
Leaving The Horizon
In The Space Of A Twinkle
Folke's Final Decision
The Name Belongs To You
Second Journey Inside The Green Glass
A Road In My Mind
Morganism
Notes From The Past - Part II

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login