Nordic Union – Recensione: Nordic Union

I Nordic Union sono un altro progetto della Frontiers che nasce in qualche modo sull’onda del revival del sound dell’hard rock melodico più classico, in un’ottica però diversa da quella alla base del progetto Resurrection Kings in uscita nella medesima data. I protagonisti, infatti, non sono in questo caso leggende del genere: da un lato Ronnie Atkins, che certo ha un pedigree di tutto rispetto ma non al livello di Goldy & Appice, dall’altro l’enorme talento di Erik Martensson, che oltre a comporre si occupa anche di suonare chitarra, basso e tastiere. A completare la formazione alla batteria troviamo Magnus Ulfstedt. Il risultato? Anche in questo caso decisamente buono.

Il crescendo melodico ed emotivo di “The War Has Begun” è il modo migliore per cominciare l’album, un senso di drammaticità ed urgenza che ci porta subito nel campo di battaglia dei Nordic Union. Un’energia palpabile e la continua sensazione che stia per succedere qualcosa sono alla base dell’efficacia anche di “Hypocrisy”, a dimostrazione quasi immediata che nemmeno stavolta Martensson ha sbagliato, e che anzi ha trovato un nuovo veicolo per le proprie abilità: la voce di Atkins ben si staglia su un hard rock melodico e robusto al tempo stesso, che strizza l’occhio al passato ma lo fa con piglio decisamente moderno. Splendida la ballad densa d’atmosfera “Every Heartbeat”, interessanti le contaminazioni pop di “True Love Awaits You”, bene l’ariosa e ipermelodica “Falling”, con un ottimo riffing di Martensson a tenere alta l’adrenalina come pure avviene nel tour de force di “Point Of No Return”. Accanto ai pezzi migliori, altri comunque godibili, sostenuti da un tappeto di tastiere che conferisce al tutto un senso di continuità e dalla capacità di Martensson di trovare soluzioni al tempo stesso familiari e non banali.

NORDIC_UNION_COVER

Voto recensore
7,5
Etichetta: Frontiers

Anno: 2016

Tracklist: 01. The War Has Begun 02. Hypocrisy 03. Wide Awake 04. Every Heartbeart 05. When Death Is Calling 06. 21 Guns 07. Falling 08. The Other Side 09. Point Of No Return 10. True Love Awaits You 11. Go

1 Comment Unisciti alla conversazione →


  1. Giulio B

    Altro progetto Frontiers, altro centro! Sarà che, a mio avviso, uno dei tre miglior full lenght del 2015 è stato Amargeddonize degli Eclipse e sarà anche che Ronnie è una delle + belle e longeve voci della scena rock, godibilissima e moderna allo stesso tempo, ma Nordic Union è un gran album!
    Basta calarsi nelle prime 5 canzoni per capire che la combinazione Eclipse+Pretty Maids è una bomba!
    Tra le mie preferite la potente e melodica “Hypocrisy” i due lenti e “The War has Begun”.
    Sontuosi!
    Voto 8,5

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login