Iperyt – Recensione: No State of Grace

Iperyt è la traduzione polacca di iprite, il famigerato gas mostarda usato dalle truppe tedesche durante la Grande Guerra, micidiale agente vescicante che ha dato forma a uno dei peggiori orrori bellici del tempo.

L’omonimo gruppo polacco, cinque loschi figuri incappucciati e borchiati, fa parte di quella frangia del metal estremo (in questo caso fra industrial death e black) irreparabilmente affascinati e sedotti dalle tematiche militari.

Condivisibile o meno l’impianto tematico, concettuale e visuale che rappresentano, gli Iperyt convogliano su “No State of Grace” (secondo full dopo “Totalitarian Love Pulse”, 2006) tutto il loro odio guerrafondaio (pure destrorso), gridato a pieni polmoni da People Hater con la grazia di un carro armato.

In un’ipotetica tamarreide del metal estremo, gli Iperyt si piazzerebbero sicuramente bene, grazie a un sound quadrato, fatto di ritmi marziali infarciti da Shocker di rutilanti schegge elettroniche/industriali.

Probabilmente queste dieci composizioni potrebbero risultare un po’ più accattivanti, con una produzione all’altezza della situazione, invece appare fin da subito un certo alone posticcio nei suoni di batteria e nei filtri vocali, che se da un lato disumanizzano la proposta (in stile Aborym e Anaal Nathrak) dall’altro non riescono a essere abbastanza glaciali e inquietanti (vedi Disiplin o Red Harvest) come dovrebbero.

Un tentativo piuttosto goffo di creare una minaccia bellica/metallica dal sapore di sangue, polvere e acciaio, che risulta in fin dei conti un po’ infantile (“Scars Are Sexy”, “Antihuman Hate Generator”).

La serietà e il rispetto si guadagnano sul campo con la qualità della propria musica, cosa che, al momento presente, ancora manca a questi convintissimi soldati polacchi.

Voto recensore
5,5
Etichetta: Witching Hour Productions

Anno: 2011

Tracklist:
1. No State of Grace 03:50
2. Scars Are Sexy 02:36
3. A Pocket Size of Armageddon 03:02
4. Antihuman Hate Generator 04:04
5. Blades of Malice & Scorn 03:51
6. The Antithesis 03:59
7. Keep Your Eyes Closed 04:02
8. Into the Mouth of Madness 03:27
9. Nuclear Mornings 04:21
10. The Player 07:45
11. In Morbid Rapture 02:29

Sito Web: http://www.myspace.com/iperyt

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login