Nick Cave – Recensione: No More Shall We Part

Un disco che parla da e verso il cuore, che si rivolge a Dio, a un dio qualsiasi, per chiedergli le ragioni delle brutture a cui è costretto ad assistere, oppure per cercare un po’ di normale umano conforto, un invisibile cenno di presenza (‘oh signore, in che modo ti ho offeso? –; stringimi tra le tue amorevoli braccia’). Ma anche un disco che si rivolge all’amore, all’amante che forse non c’è più; o che spera di riconquistare, magari attraverso una semplice supplichevole lettera (‘bacio la busta fredda e bianca – premo le labbra sul suo nome’), come racconta nella dolcissima ‘Love Letter’, per l’appunto. Non c’è traccia del dannato ribelle di inizio carriera, o forse la sua dannazione semplicemente si trova tutta qui dentro, all’interno di queste dodici spicchi di vita che Nick Cave e la sua faccia dura e delineata, assieme alla sua manciata di Bad Seeds, ha deciso di raccontarci. Lo fa in modo schivo, ma con tono disperato, ed allo stesso tempo discreto e silenzioso. Un pianoforte, giusto per qualche nota o accordo, aiutato da un violino altrettanto triste, da qualche spazzolata della batteria e da poco altro: come l’unica spruzzata elettrica sul finale di ‘The Sorrowful Wife’, in una sorta di tenero ricordo del suo elettrico passato. Tanto basta, non serve altro: la sua voce sofferente e i testi, che sanno di poesia vera, a sostenere tutto. Ci sono umori da blues del delta, tristi ballate pianistiche, inni, gioia, malinconia, tristezza e speranza: il nuovo mondo di Nick Cave, il nostro mondo. Alleluia, alleluia.

Voto recensore
7
Etichetta: Mute Records / Virgin

Anno: 2001

Tracklist: Tracklist: As I Sat Sadly By Your Side / And No More Shall We Tear Apart / Hallelujah / Love Letter / Fifteen Feet Of Pure White Snow / God Is In The House / Oh My Lord / Sweetheart Come / The Sorrowful Wife / We Came Along This Road / Gates To The Garden / Darker With The Day

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login