Ross The Boss – Recensione: New Metal Leader

Dopo tanti anni d’assenza dalla scena propriamente metal Ross The Boss, storico chitarrista dei Manowar, torna alla ribalta con un CD solista che farà la gioia di tutti gli amanti del genere.

Il buon vecchio Ross aveva lasciato i Manowar all’indomani della fuoriuscita del capolavoro intitolato ‘Kings Of Metal’ per i Manitoba Kingdom, con la scusa che il genere epic metal era scontato e non gli diceva più nulla… il guitar hero voleva mettersi a suonare del sano rock’n’roll.

Le alterne vicende dalla vita ora han fatto si che Ross sia tornato sui suoi passi per dar vita ad un album che è quanto di più scontato e meno personale ci possa essere sul mercato… e sicuramente molto meno originale e coraggioso di quanto fatto dalla band madre, i Manowar, che invece, rischiando (e raccogliendo tante ingiuste critiche), hanno sperimentato parecchio, soprattutto nell’ultimo capolavoro ‘Gods Of War’.

I musicisti che accompagnano il vecchio leone sono tutti dei professionisti del genere, avendo militato a lungo negli Ivory Knight. Quest’occasione di entrare a far parte della band della “vecchia gloria” ha dato loro quella vetrina che purtroppo nei tanti anni precedenti i nostri non avevano mai nemmeno immaginato di ottenere.

Per venire al CD possiamo descrivere l’innumerevole elenco di clichèes che lo contraddistinguono, partendo dalla cover, quell’aquilotto che già i Manowar hanno usato svariate volte; se poi leggiamo il titolo dell’album non possiamo non sorridere notando quanto caciarone e pacchiano si presenti il Ross The Boss versione 2008, alla faccia delle dichiarazioni fatte nel 1988.

Il CD poi, come si diceva, è un vero manualetto del power-epic metal. Ovviamente infatti Ross ha inserito tantissime ritmiche mid-up tipiche del power, per non scontentare i fan del genere e quindi si passa dalla veloce ‘God Of Dying’ al singolo ‘Blood Of Knifes’, da cui è stato tratto anche un discreto video.

Segnaliamo poi la bella ‘Matador’, in cui possiamo ascoltare un ottimo lavoro agli assoli ed ancora ‘I Got The Right’, una devastante cavalcata che ricorda un pochetto ‘Hail And Kill’.

Pe dirla in breve tutti i brani sono interessanti. Quindi alla faccia di chi vede nel metallone con i controcoglioni un ammasso di clichèes superato possiamo dire che l’operazione nostalgia di Ross “il Boss dei Boss” è riuscita in pieno.

Chi non ama queste cose stia alla larga qualche km, chi invece adora il metal classico, le ritmiche power, gli assoli fulminanti, gli acuti strappapalle, le atmosferice epiche e anche rokkeggianti faccia suo ‘New Metal Leader’ ed otterrà ciò che cerca.

Voto recensore
7
Etichetta: AFM/Audioglobe

Anno: 2008

Tracklist: 01. I.L.H.
02. Blood Of Knives
03. I Got The Right
04. Death & Glory
05. Plague Of Lies
06. God Of Dying
07. May The Gods Be With You
08. Constantine´s Sword
09. We Will Kill
10. Matador
11. Immortal Son

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login