Negura Bunget – Recensione: “Zi”

Secondo album della trilogia transilvana “Zi” segna il ritorno dei Negura Bunget ad un anno di distanza dal precedente “Tau” (recensione) il quale ha dato il via all’opera.

Come addentrandosi in una foresta le atmosfere diventano ancor più primordiali quasi a cercare l’unione con le radici della terra natia, rappresentata dai rami che vanno ad incoronare nell’artwork Negru, unico superstite della formazione originale.

L’ipnotico intro “Tul-ni-că-rînd” (video ufficiale) è il preambolo di un disco che gioca tra luce e oscurità in cui sono ancor più accentuati i passaggi folk, è l’evocativo minimalismo che fa da contraltare a ciò che rimane del black metal in seno alla band. Tra i flauti e le sonorità progressive “Gradina Stelelor” giunge ai blastbeats e l’epicita di cui i Negura Bunget sono capaci. Forse quello che manca a “Zi” sono quei riff memorabili che vanno ad identificare il singolo brano. Ad esclusione di “Baciul Moșneag” la band, come già detto, punta  sull’atmosfera nel suo complesso piuttosto che al brano immediato.

Il folk della terra natia è poi esplorato a piene mani in “Stanciu Gruiul” (video ufficiale), una ballata moderna e ci porta alla lunga e conclusiva “Marea Cea Mare”. Il brano in questione risulta il picco di questo “Zi” con le sue atmosfere pinkfloydiane è un’onirica traversata in cui è l’alternanza di voce maschile e femminile a farla da padrone.

“Zi”, come altri lavori della band romena, riescono ad esprimere il loro potenziale solo con l’ascolto completo dell’album. I Negura Bunget proseguono il viaggio che li porta a trascendere le barriere dei generi creando qualcosa di unico, non immediato, ma sicuramente di inequivocabile valore.

Negură Bunget Zi Cover Album 2016

Voto recensore
7,5
Etichetta: Prophecy Productions

Anno: 2016

Tracklist: 01. Tul-ni-că-rînd (Horn-ing) 02. Grădina stelelor (Garden of Stars) 03. Brazdă dă foc (Furrow of Fire) 04. Baciul Moșneag (The Old Shepherd) 05. Stanciu Gruiul (Stanciu Gruiul) 06. Marea Cea Mare (The Vast Sea)
Sito Web: www.negurabunget.com

Roberto Banfi

view all posts

Punk n roller con ispirazioni gotiche e tracce persistenti di untrue heavy metal, tra Billy Holiday e gli Einsturzende Neubauten sono incappato casualmente negli Iron Maiden. Sogno una collaborazione tra Varg Vikernes e Paolo Brosio. Citazione preferita: ""Il mio dio è più forte"" (Conan il barbaro).

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login