Gotthard – Recensione: Need To Believe

Per alcuni gruppi, nonostante gli anni di attività sulle spalle, non sembra arrivare mai la parabola discendente. La capacità che certe band hanno di rinnovarsi costantemente, pur rimanendo fedeli a loro stesse, ha a volte dell’incredibile, e i Gotthard ne sono un esempio eclatante. Famosissimi in patria e in Germania, persone estremamente cordiali e disponibili in sede di intervista, Steve Lee e compagni riescono ogni volta a stupire per la ricchezza delle loro idee e per la naturalezza con cui vengono espresse.

La voglia di innovare si percepisce subito grazie a “Shangri – La”, brano caratterizzato da un crescendo iniziale che esplode in un riff di chitarra potente e accattivante in cui i cori sovrapposti si rincorrono, che parla di una terra incantata popolata da creature fantastiche. È uno dei pezzi di punta di questo “Need To Believe”, incentrato, per quanto riguarda i testi, sull’importanza di credere in se stessi per fare fronte alle avversità: un messaggio positivo in generale, e che per la sua struttura ha molti punti in comune con quello cristiano. Da questo punto di vista sono importanti gli esempi della title- track e di “Break Away”, mentre “I Know You Know” parla dell’importanza di non chiudere gli occhi di fronte ai tanti problemi che ci circondano, di evitare l’indifferenza. Anche “Unconditional Faith”, che stando alle dichiarazioni di Steve Lee sarà il secondo singolo di lancio dell’album (il primo sarà, a seconda dei Paesi, “Need To Believe” o “Shangri – La”), con la sua struttura a metà fra l’acustico e il rock vero e proprio, merita attenzione. Non mancano comunque, neanche in questa occasione, pezzi dal ritmo più aggressivo, come “I Don’t Mind” e “Right From Wrong”.

L’opinione di molti addetti ai lavori è che la band svizzera meriterebbero molti più consensi di quelli che stanno riscuotendo ora, perlomeno in Paesi come il nostro, pieno di inconsapevoli vittime della musica “facile” e senza pensieri. i Gotthard si pongono come ideale anello di congiunzione fra i due mondi, e come tali andrebbero trattati. L’invito è quindi di diffondere la loro musica il più possibile, magari aumentando passaggi in radio, in modo da rendere giustizia a chi davvero se lo merita.

Voto recensore
8
Etichetta: Nuclear Blast / Warner

Anno: 2009

Tracklist: 1. Shangri-La
2. Unspoken Words
3. Need To Believe
4. Unconditional Faith
5. I Don't Mind
6. Break Away
7. Don't Let Me Know
8. Right From Wrong
9. I Know, You Know
10. Rebel Soul
11. Tears To Cry

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login